02-04-2020 ore 17:45 | Politica - Crema
di Andrea Galvani

Covid19. Assistenza domiciliare dei malati, sindaci e medici: ‘c'è forte preoccupazione’

I sindaci e i medici di base cremaschi sono “preoccupati per l’assistenza agli ammalati a domicilio”. Dati alla mano (in allegato) Crema e molti comuni del Cremasco hanno percentuali di gran lunga superiori all’1,1% che rappresenta la media provinciale. Il territorio non si può concedere alcun tipo di leggerezza sul versante del contagio non-ospedalizzato. È indispensabile - hanno spiegato dai sindaci Stefania Bonaldi, Gianni Rossoni ed Aldo Casorati (rispettivamente in veste di presidente e vice presidente del Distretto socio sanitario di Crema e di presidente dell’Area omogenea cremasca) - che le persone dimesse dall’ospedale non debbano recarsi di persona a fare il tampone (che ne testa la positività o meno) ma possano farlo a casa.

 

Anelli deboli della catena

In un certo senso ‘stabilizzato’ l’afflusso all’ospedale Maggiore, il fronte si è spostato nelle abitazioni private, “sui pazienti che sono dimessi o che si è deciso di curare a casa”. Secondo il sindaco di Crema “è importantissimo un coordinamento tra medici di base e le unità sanitarie di continuità assistenziale. Le Usca sono come le guardie mediche, che dovrebbero prendersi in carico questi pazienti, fare i tamponi, seguire i percorsi di guarigione e valutarne l’eventuale peggioramento”. Eppure – e qui sta il vero problema - “questi due anelli della catena oggi sono debolissimi, manca coordinamento, l'Usca nel Cremasco non è ancora partito e mancano purtroppo anche Dpi tra i medici di base, lasciati troppo soli”.

 

Ciò che non funziona

In una lettera sottoscritta anche dai referenti degli odontoiatri e dei medici di medicina generale della Provincia di Cremona (integrale in allegato), si sottolinea che “i Dpi sono arrivati in ritardo e del tutto insufficienti e inadeguati”, che “manca un coordinamento tra 118, 112, numero verde e medici di base”, che “i pazienti che presentano sintomi importanti vengono rinviati a domicilio” e che ai medici di base “non viene fornita alcuna informazione sullo stato di salute o comunque il reparto di ricovero dei propri pazienti”. E si tratta “solo alcune delle principali criticità che i medici riscontrano quotidianamente”.

 

Tavolo di coordinamento

La richiesta è che l’Ats Val Padana costituisca con urgenza “un tavolo di lavoro permanente presieduto da Ats, con la partecipazione dell’Asst di Crema e da referenti dei sindaci, dell’Ordine dei Medici, dei medici di base e dei medici dell’ospedale, oltre ai servizi sociali”. L’obiettivo è “svolgere un’azione di coordinamento che possa gestire al meglio sul territorio l’epidemia. È tramite questo canale, che sarà possibile per i medici di Medicina Generale seguire in maniera continuativa al domicilio i pazienti risultati positivi e sintomatici o dimessi, monitorando costantemente le loro condizioni di salute”.

3189
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi