24-09-2015 ore 21:02 | Politica - Crema
di Stefano Zaninelli

Crema e il ponte verso l’Oriente: siglato il gemellaggio con la città cinese di Nanning

Dopo la Francia, la Cina: da oggi il Comune di Crema e la città di Nanning sono ufficialmente gemellate. La cerimonia si è svolta presso la sala dei Ricevimenti, a palazzo comunale. Sei i membri della delegazione di Nanning, a cui ha preso parte anche il vicesindaco della metropoli: Sui Ghuohua. A fare gli onori di casa, il sindaco Stefania Bonaldi, il presidente del Consiglio, Vincenzo Cappeli, l’assessore Morena Saltini e i consiglieri comunali Walter Della Frera e Renato Stanghellini.

 

Accorciare le distanze

L’introduzione della cerimonia è stata affidata al sindaco Bonaldi. Oltre a delineare alcuni tratti storici e culturali di Crema, il primo cittadino ha dichiarato: “siamo felici di aver dato avvio a un legame fra la città di Crema e la città di Nanning. Ci auguriamo che questo percorso istituzionale possa accorciare le distanze fra noi e i nostri fratelli cinesi e facilitare le relazioni e gli scambi culturali, scolastici, commerciali ed economici fra il nostro territorio e la città di Nanning”.

 

Sala dei Ricevimenti, Sui Ghuohua e Stefania Bonaldi (foto © Cremaonline.it)

Promozione degli scambi

Portati i saluti del sindaco di Nanning, Sui Ghuohua si è detta “attratta dalla bellezza urbana ed architettonica di Crema. Anche se abbiamo camminato in poche vie, è stata un’esperienza piacevole. Nanning ha dodici distretti urbani e tre zone di sviluppo ad alta tecnologia ed è conosciuta come la Città verde. Siamo gemellati con altre 20 città ma, grazie a questo gemellaggio in futuro saremo ancor più in grado di promuovere scambi nel commercio, nella cultura e nell’istruzione”.

 

Lo scambio dei doni

La sigla degli atti ufficiali del gemellaggio è avvenuta attorno alle 15.30, dopodiché le amministrazioni hanno colto l’occasione per scambiarsi dei doni: il sindaco ed il presidente del Consiglio hanno consegnato alla delegazione cinese un quadro raffigurante una Crema nell’antichità; la rappresentanza cinese ha invece consegnato ai cremaschi un timbro in pietra preziosa, con in cima la scritta Crema in ideogrammi, in aggiunta ad una pergamena in cui è rappresentato uno scorcio di Nanning.

 

Sala dei Ricevimenti, Sui Ghuohua riceve il quadro da Stefania Bonaldi (foto © Cremaonline.it)

Il programma degli impegni

L’incontro è proseguito in sala dei Ricevimenti con l’illustrazione di Extraordinary Crema – e dei progetti realizzati in chiave Expo – a cura di Reindustria. Domattina la delegazione di cinese sarà in visita ad alcune aziende cremasche; la stessa Nanning presenta un grande sviluppo a livello agroalimentare. Nel pomeriggio, invece, l’appuntamento è previsto in sala Cremonesi dove si svolger un incontro con alcuni dei principali soggetti economici a livello locale.

 

Il ponte verso l’Oriente

La firma del gemellaggio getta un ponte importante verso l’Oriente: permetterà di instaurare sinergie produttive e commerciali grazie allo scambio di saperi e alla condivisione delle buone pratiche mirate alla qualità dei prodotti. Non solo: il sodalizio permetterà inoltre di sfruttare ancor più intensamente quella rete di relazioni costruita nel tempo e che, non troppi mesi fa, ha permesso a Crema di diventare la prima città di Be-commerce con la Cina

 La redazione consiglia:

politica - Crema
È atteso il 24 settembre l’arrivo della delegazione cinese di Nanning, con i quali è stato stretto il gemellaggio lo scorso marzo. La sigla ufficiale verrà apposta proprio...
economia - Mercati
“L’obiettivo è modificare il rapporto tra il commercio locale e gli scambi a livello internazionale, abbattendo le barriere dell’intermediazione. Si tratta di combinare il...