14-09-2021 ore 18:30 | Politica - Crema
di Andrea Galvani

Valutazione sismica positiva: 'l'ex tribunale è a 70 mila euro dal futuro socio sanitario'

La valutazione sismica dell’ex tribunale di Crema ha evidenziato come “la struttura sia idonea per un riutilizzo” completo o in parte, salvi interventi minimali. Il sindaco Stefania Bonaldi e il presidente dell’area omogenea Aldo Casorati hanno incontrato la stampa, oggi alle 17, per comunicare pubblicamente il buon esito della procedura (seguita passo passo dall’assessore Cinzia Fontana) e affidata ad un professionista esterno, Lodi di Soresina, lo stesso che aveva compiuto i calcoli per le procedure di costruzione. Le cinque mila pagine di relazione sono riassumibili in poche parole: “si tratterebbe di rinforzare due pilastri, due pareti, due travi e di demolire il torrino della canna fumaria, predisponendo adeguati collegamenti a livello dei solai con piastre metalliche”. Sintetizzando, “l’ex tribunale è ora a 70 mila euro dall’obiettivo sociosanitario”. I lavori previsti hanno una durata di “45-60 giorni”. Viene dunque smentita l’ipotesi secondo cui “si farebbe prima a buttar giù tutto”.

 

Necessità impellente di strutture”

“Per la rifunzionalizzazione abbiamo fatto tutto quanto era di nostra competenza” ha ripreso il sindaco, evidenziando come l’ipotesi finora sulla carta, (per quanto per questioni meramente tecniche) di riutilizzare l’ex mutua di via Gramsci appare decisamente anacronistica”. Aldo Casorati è andato dritto al punto: “Crema serve un territorio di 160 mila persone. Ha la necessità impellente e improrogabile di strutture”. L’ex tribunale è ritenuto perfetto: “offre 6400 metri quadrati complessivi, 4000 mila a completa disposizione di ambulatori, medici, magazzini, per la neuropsichiatria infantile ora divisa in più sedi”. Un progetto “appoggiato dal compianto Luigi Ablondi sin dal 2016 e recentemente anche dall’ex direttore Pellegata”. Offrirebbe la risposta alla domanda emersa durante la pandemia: “sarebbe in grado di offrire un equilibrio fra ospedale e territorio”.

 

Incontro tecnico politico urgente”

Tutta la documentazione è stata inviata in regione, accompagnata da una lettera ufficiale (in allegato) che ripercorre tutte le fasi. Si conclude con la richiesta di “un incontro tecnico-politico urgente, alla presenza anche delle autorità sanitarie e delle istituzioni locali, nonché dei consiglieri regionali del territorio, finalizzato a dare seguito agli impegni messi in campo e a rifunzionalizzare il fabbricato con una vocazione sanitaria, socio sanitaria e socio assistenziale, coerente con i nuovi sviluppi della riforma sanitaria ed gli adeguamenti imposti dal Pnrr”. Nell’ex tribunale verrebbero quindi insediati “la sede del distretto, il centro operativo territoriale (Cot), la casa della comunità, oltre a quei servizi e presidi che le direzioni della Asst di Crema e della Ats Valpadana riterranno opportuni e necessari”.

 

Tempistiche e procedure

Ha completato il quadro il consigliere regionale Matteo Piloni (i colleghi Lena e Degli Angeli non hanno partecipato alla conferenza stampa) ha dettato i tempi e le procedure: “in questi giorni sono iniziate le audizioni dei portatori di interesse per la costruzione degli emendamenti e il 15 novembre il consiglio regionale voterà la riforma sanitaria. Siamo a due mesi dalla conclusione di un lungo iter, che potrebbe dare risposte concrete ai cittadini. Ora tocca alla regione, in particolare al presidente Fontana, concretizzare quanto promesso durante la sua visita al centro vaccinale. Se prima c’era un ostacolo tecnico, ora è stato rimosso. Il Cremasco ed i professionisti delle discipline mediche si sono espressi chiaramente, indicando e documentando le proprie necessità. La regione non può che dar conto alle istanze del territorio”.

1489

 La redazione consiglia:

politica - Crema
“Il Presst a Crema si fa. Certo, vanno fatti degli approfondimenti, anche perché richiede un investimento importante. Perciò è meglio aspettare una settimana o un mese, ma...
cronaca - Crema
L’ospedale Maggiore vuole realizzare nell’ex tribunale un Presidio socio sanitario territoriale. La direzione dell’Asst di Crema ha deliberato il progetto, da sottoporre al parere...
politica - Crema
Per quanto concerne la bocciatura dell’ipotesi di realizzare un Presst nell’ex tribunale, è da registrare la posizione del sindaco di Crema, Stefania Bonaldi: “di fronte al...
cronaca - Crema
Una centrale operativa territoriale per il distretto di Asst Crema, tre case di comunità, una nel presidio di via Gramsci, una presso il polo santa Marta di Rivolta d'Adda ed una terza...
politica - Milano
A cinque anni dall'avvio, l’Agenas (agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali) ha realizzato un’approfondita analisi del modello e dei risultati raggiunti dalla riforma...
rubriche - Medicina e salute
La pandemia ha imposto modi diversi di stare accanto, ma non ha fatto venir meno il desiderio di prendersi cura delle persone abbracciando le fragilità. Lo ha dimostrato il Servizio di cure...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno

SPAZIO ALLE ASSOCIAZIONI


polocosmesi confartigianato