30-03-2023 ore 19:42 | Sport - Motori
di Federico Feola

Enduro, prima prova di campionato. Tre vittorie per il team cremasco GasGas Sissi Racing

L’Umbria ha ospitato la prima prova del Campionato italiano Under 23-Senior di Enduro. A Gualdo Tadino, a pochi chilometri da Perugia, si sono trovati dopo un anno piloti e team per tornare a confrontarsi per questa nuova stagione. Un campionato che si disputerà su cinque gare di cui la prima, appunto è stata quella di Gualdo Tadino e l'ultima sarà a fine settembre a Castiglion Fiorentino. La bella città umbra ha accolto nel migliore dei modi i numerosissimi partecipanti, tornati a numeri da record, con più di 250 piloti al via. Ottima organizzazione, con un percorso non molto impegnativo e tre belle prove cronometrate, una extreme, una cross test e una enduro. I risultati hanno ancora una volta premiato i piloti del team cremasco GasGas Sissi Racing che hanno ottenuto ben tre vittorie.

 

Spandre, Capoferri e Gheza protagonisti

A salire sul gradino più alto del podio sono stati infatti Mirko Spandre, GasGas 350 e Alberto Capoferri, GasGas 300 fra i Senior, e Andrea Gheza, GasGas 300, fra gli Under 23. Mirko Spandre ha fatto una gara di attacco fin dall’inizio, anche perché si temevano molto i suoi avversari, Castellana e Marini, due piloti di grande valore. Ma ha guidato alla grande, veloce e senza commettere errori e alla fine la vittoria è arrivata. Anche Capoferri in quanto ad avversari non scherzava: Ciani, Scarpelli, Guerrieri e Bruschi sono tutti piloti che hanno vinto almeno un titolo tricolore. Eppure il pilota di Antegnate ha gestito la gara al meglio ed assecondato dalla sua eccellente GasGas 300, alla fine ha vinto con discreto margine. Ma le preoccupazioni maggiori erano per il più giovane dei tre alfieri del team cremasco, Andrea Gheza. Infatti la rottura del legamento crociato subita durante un allenamento poco più di un mese fa, ha messo addirittura in dubbio la partecipazione del giovane talento del team al Campionato italiano. Alla fine si è deciso per provare a vedere come andava la prima gara e il risultato è andato oltre ogni più rosea aspettativa : infatti non solo non ha avuto particolari problemi durante la gara, ma è anche riuscito a conquistare la vittoria finale, facendo anche lui una gara perfetta, senza andare a prendersi rischi inutili.

 

Gli altri risultati

Fra gli altri piloti del team, Eddy Paganini ha lottato fino alla fina per salire sul podio nella classe 450 Under 23, ma alla fine, complice qualche errore ha dovuto a contentarsi del quinto posto. Discorso analogo anche per Robert Malanchini, GasGas 350, fra i Senior, a lungo a ridosso del podio è poi finito settimo. Da rivedere invece il giovane Gregorio Conte, ancora convalescente dopo l’intervento fatto in autunno per la ricostruzione del legamento crociato e certo non ancora al massimo della forma dopo cinque mesi senza allenamento. Si rifarà presto, intanto ha girato senza problemi e ha fatto un buon allenamento. Infine i due giovanissimi Margarito e Legrenzi, nella 125 Cadetti, dovranno migliorare ancora un po' prima di essere competitivi in questo tipo di campionato. La seconda prova dell’Italiano Under 23-Senior è prevista a Montecopiolo in provincia di Rimini il 7 maggio.

2449