24-12-2017 ore 18:37 | Sport - Basket
di Federico Feola

Basket, con una grande rimonta Crema liquida la pratica Rekico Faenza per 61-51

Crema vince al PalaCremonesi e festeggia il Natale al secondo posto della graduatoria. Contro la Rekico Faenza, che veniva da cinque vittorie consecutive, i ragazzi di Salieri hanno avuto un difficile inizio di gara, con gli ospiti che al 17' conducevano di 19 punti e sembravano avere in mano la partita. Le sette vittorie consecutive ottenute tra novembre e dicembre rappresentano un record assoluto per la società cremasca, così come il lusinghiero piazzamento al giro di boa del campionato.

La partita
Si parte con Crema che schiera Paolin, Molteni, Dagnello, Ferraro e Poggi. Risponde Faenza con Venucci, Perin, Iattoni, Chiappelli e Silimbani. Due minuti a canestri inviolati, poi dopo il 6/5 Crema comincia lo show di Faenza. Gli uomini di Regazzi tirano con buone percentuali da tre, soprattutto con Perin, e dominano sotto i tabelloni. Il risultato è il 19/9 dei primi 10'. Le cose non cambiano nel secondo parziale. Crema continua a tirare male, le maglie della difesa di Faenza sono strettissime ed a metà quarto i rosanero si bloccano offensivamente di fronte alla zona della Rekico, perdendo diversi palloni. È il momento di maggior sofferenza dei padroni di casa, che tornano negli spogliatoi sotto per 35/19.

La reazione dei leoni
Il secondo tempo non sembra cambiare granché l'inerzia del match. Crema è reattiva e combatte, ma fatica a rosicchiare punti agli avversari. Quando Silimbani infila dalla lunetta il 47° punto a 30 per Faenza, annullando il tentativo di rimonta di Crema, il match sembra stregato. Invece la proverbiale grinta della formazione di Salieri, che trova la massima espressione nella granitica difesa di Crema, dà forma alla più incredibile delle rimonte. Per ben 11 minuti Faenza non segna, e Crema piazza un parziale di 26/0 che ribalta totalmente il match. La parte del leone la fa Dagnello, che chiuderà con 27 punti a referto. Il match si chiude sul 61/51, con gli ospiti che restano 30 punti al di sotto delle proprie medie stagionali.

La soddisfazione in casa nerorosa
"Abbiamo iniziato il match in modo un po' tenero - commenta coach Salieri - poi abbiamo trovato le giuste contromisure agli avversari. Ci abbiamo sempre creduto, anche sul -19. Ho chiesto ai ragazzi nello spogliatoio di recuperare qualche punto, poco per volta, per partire nell'ultimo quarto in posizione più comoda. Abbiamo giocato un ultimo quarto fantastico, lasciando solo quattro punti ad una squadra forte come Faenza. Devo fare i complimenti ai ragazzi, anche con le energie al lumicino hanno dato tutto”. Raggiante il capitano Pietro Del Sorbo: "non abbiamo mai mollato, abbiamo fatto due quarti di grinta, di cuore e sinceramente sapevamo di essere un po' stanchi per affrontare questa partita. Abbiamo tirato fuori non so da dove una vittoria che è frutto di tutto il lavoro che abbiamo fatto da agosto in avanti. Non mi aspettavo ad inizio campionato di essere secondo a metà stagione, ma vedevo negli occhi di tutti la voglia di fare bene”. Ora la sosta per le festività natalizie, con la banda di Salieri che tornerà sul parquet il 6 di gennaio in trasferta a Bernareggio.

PALLACANESTRO CREMA – REKICO FAENZA 61-51
(9-19; 19-35; 37-47)
CREMA: Dagnello 27, Del Sorbo 7, Ciaramella ne, Poggi 6, Paolin 5, Ferraro, Fugazzola ne, Molteni 8, Gazzillo ne, Amanti, Bianchi 8. All.: Salieri.
FAENZA: Aromando, Samorì ne, Perin 14, Silimbani 4, Benedetti, Venucci 11, Iattoni 6, Milosevic ne, Chiappelli 11, Brighi. All.: Regazzi.
Arbitri: Di Luzio – Martinelli.

Versione pdf