11-08-2023 ore 17:40 | Sport - Calcio
di Federico Feola

Il Crema pareggia sul campo dell'Ospitaletto per 2 a 2. Prestazione nel complesso positiva

È finita con un pareggio l'amichevole tra il Crema e l'Ospitaletto, dopo una partita vera tra due compagini nel pieno della preparazione. La squadra bresciana, additata come favorita nel girone C di Eccellenza lombarda vanta una rosa di tutto rispetto e l'equilibrio della prima frazione ne è la prova. Il Crema parte forte e crea alcune occasioni in cui manca però la precisione negli ultimi metri. I padroni di casa sfruttano la maggior freschezza rispetto agli uomini di Danesi, reduci da un inizio di preparazione molto intenso, per guadagnare campo e per presentarsi dinnanzi a Ziglioli che è super in due occasioni ma alla mezzora non può nulla sul tiro ravvicinato di Peli liberato da un errore in impostazione della retroguardia nerobianca. Gli arancio blu sembrano padroni del campo ma il Crema reagisce forte con Bardelloni che guida la riscossa e ad una manciata di minuti all'intervallo trova anche l'angolino ma Serio vola a negare la gioia del gol al capitano nerobianco.

 

Il secondo tempo

Nella seconda frazione mister Danesi rivoluziona la squadra e l'assetto tattico e la partita cambia tenore, il Crema macina gioco e su un'ottima verticalizzazione Bardelloni sguscia via ai centrali avversari, protegge la sfera dal rientro dei difensori locali e a tu per tu con il portiere non sbaglia il gol del pari. L'Ospitaletto accusa il colpo e abbassa il baricentro e il crema inizia a creare occasioni ma manca lucidità sotto porta ed incredibilmente, su un'ottima ripartenza, Guerini supera Peschieri im uscita con un pallonetto millimetrico che impedisce il recupero della difesa. Sotto di nuovo i cremaschi regiscono con veeemenza e trovano il pari grazie ad un'azione solitaria di Gallo che semina quattro avversari, resiste ad un tentativo di fallo e mette la palla in buca d'angolo di piatto. Il Crema spreca ancora alcune ottime occasioni e rischia un paio di volte di subire ripartenze ma senza che Peschieri venga mai impegnato. La gara termina in parità anche perché la fortuna non sorride a Lovaglio che su punizione centra in pieno la traversa con il portiere immobile ad osservare.

1858