11-04-2018 ore 15:20 | Sport - Motori
di Federico Feola

Castiglion Fiorentino. Nicolò Bruschi della Sissi Racing terzo agli Assoluti d’Italia

Domenica scorsa si è svolta a Castiglion Fiorentino una delle più belle gare degli ultimi anni per quanto riguarda gli Assoluti d'Italia di Enduro. Paese natale del compianto campione della Dakar Fabrizio Meoni, è stato teatro di una due giorni di enduro entusiasmante, sia perché percorso, prove speciali (cross country, enduro test ed extreme test) e controllo orario “tirato” erano a livello mondiale, ma anche perché al via oltre ai migliori piloti italiani si sono aggiunti anche quasi tutti i più forti campioni stranieri, dando vita così ad uno spettacolo difficilmente ripetibile.

 

Buoni piazzamenti nonostante le assenze
I due giorni di gara hanno visto al via anche i piloti del team Sissi Racing. Oltre al convalescente Alberto Capoferri, anche Enrico Zilli non ha potuto prendere il via per un contrattempo fisico. Buoni i risultati, con Nicolò Bruschi ancora sul terzo gradino del podio nella classe 250, in sella alla sua Ktm 250 Tpi. Con questo risultato si conferma al secondo posto in campionato. Anche gli altri piloti del team cremasco hanno ottenuto risultati di rilievo, con Miki Flaviani al quarto posto nella classe 250, Ramon Bregoli quinto nella 125 Youth e Simone Trapletti sesto nella 250 4 tempi. Costretto purtroppo al ritiro Robert Malanchini, anche lui alle prese con gli stessi problemi che hanno causato il forfait di Zilli.

Brutto infortunio per Servalli
Unica nota negativa per il team cremasco l'infortunio capitato nella seconda giornata di gara al giovanissimo Francesco Servalli, che nel primo cross test è caduto rovinosamente fratturandosi la clavicola sinistra. Un vero peccato perché il più giovane pilota del team, 16 anni, ha fatto una grande gara nella prima giornata, finendo terzo dopo essere stato a lungo al comando.

Oggi al cinema