10-10-2018 ore 13:31 | Sport - Tennis
di Federico Feola

Serie A1, domenica la prima giornata. Per Crema trasferta insidiosa a Massa Lombarda

Ancora pochi giorni e il Tennis club Crema potrà lanciarsi in una nuova edizione del campionato di Serie A1, disputato per il sesto anno consecutivo. Un traguardo di grande spessore che il circolo del presidente Stefano Agostino proverà a onorare con lo stesso impegno ed entusiasmo delle passate stagioni, partendo dalla trasferta sui campi del Circolo tennis Massa Lombarda (Ravenna).

Gli avversari
Le due formazioni erano già state inserite nello stesso girone due anni fa, e fu proprio col successo nello scontro diretto dell’ultima giornata in casa dei romagnoli che i lombardi si guadagnarono l’accesso alle semifinali scudetto per la seconda volta in quattro anni. Stavolta la sfida mette in palio i primi tre punti del Girone 2. Di fronte c'è una formazione che ha in Stefano Travaglia e Federico Gaio le sue punte di diamante. A meno di sorprese, saranno l’ascolano e il faentino gli avversari di Andrey Golubev e Adrian Ungur, i due “pilastri” del Tc Crema, una delle due formazioni lombarde in gara nel massimo campionato nazionale (l'altra è l'Apd Selva Alta di Vigevano, Pavia).

 

La formazione cremasca

A Golubev e Ungur spetta dunque il compito di fare da trascinatori di un team che conta anche su Riccardo Sinicropi, l’altro rumeno Nicolae Daniel Frunza e una lunga schiera di giovani del vivaio vogliosi di mostrare i progressi compiuti rispetto a dodici mesi fa. Si tratta di Alessandro Coppini e Filippo Mora, titolari nelle passate stagioni nei ruoli di numero 3 e 4 della formazione, ma anche di Lorenzo Bresciani, Andrea Zanetti, Samuel Vincent Ruggeri, Gabriele Datei, Giacomo Nava e Danny Ricetti. Dopo la trasferta a Massa Lombardia, per il Tc Crema arriveranno ben tre sfide casalinghe: il 21 ottobre contro il Tc Genova 1893, il 28 ottobre contro il Circolo canottieri Aniene e il 4 novembre il ritorno contro Massa Lombarda.

12
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato