08-12-2023 ore 14:00 | Sport - Basket
di Federico Feola

La Logiman Crema regola con autorità Desio. Domenica trasferta insidiosa a Livorno

Vittoria larga per la Logiman Crema, per una volta non costretta a lottare nel clutch-time. La Rimadesio Desio ha infatti resistito solamente un quarto alla buona serata dei cremaschi, precisi al tiro ed efficaci in difesa. Si parte senza i due capitani, visto che sia Graziani che Mazzoleni non sono della partita. I brianzoli devono anche rinunciare al play Fumagalli ed anche per queste assenze vengono da tre sconfitte consecutive.

 

La gara

Partita non bella nel primo quarto. La Logiman tira bene, domina sotto i tabelloni dove Klanskis non riesce a limitare Tsetserukou ma perde troppi palloni banali. Desio al contrario litiga col canestro ma difende in modo fisico, riuscendo a limitare i danni. A cavallo tra i due quarti però Crema piazza il break decisivo, trovando un parziale di 17 a 0 chiuso da una tripla dell'indiavolato Ballati che annichilisce la truppa di Gallazzi. La Rimadesio prova a reagire, trova 6 punti in fila che costringono coach Baldiraghi a chiamare timeout ma il tempo termina con la Logiman saldamente in vantaggio per 53 a 28. Il secondo tempo non riserva sorprese: Crema tocca anche i 31 punti di vantaggio a metà del terzo quarto ed il match termina praticamente lì. Prima della conclusione c'è la soddisfazione dei primi punti in B del giovanissimo Consonni, calorosamente festeggiato dai compagni dopo la sirena finale, arrivata sul punteggio di 82 a 58.

 

Puntare alla salvezza

“Desio – commenta soddisfatto coach Baldiraghi - in questo momento è un po' in difficoltà a causa degli infortuni però abbiamo fatto un'ottima prestazione. Abbiamo trovato il canestro con facilità ma vorrei sottolineare la fase difensiva, visto che per la seconda settimana di fila abbiamo tenuto gli avversari a quota 58. Siamo tra le prime otto ma gli obiettivi non cambiano, bisogna puntare alla salvezza”. Ora la Logiman è attesa dalla dura trasferta toscana, domenica 10 dicembre, contro la Pielle Livorno.

2229