05-12-2022 ore 14:53 | Sport - Calcio
di Federico Feola

Serie D, allo stadio Voltini un Crema in inferiorità numerica pareggia contro il Carpi

Un punto pesantissimo e di assoluto valore sia per il peso specifico che stabilisce ai fini della classifica sia per la modalità che l’ha visto nascere. Il Crema, infatti, ha giocato in nove contro undici rimutando un risultato di svantaggio dopo il goal del Carpi, squadra che è attualmente seconda in classifica nel girone D della serie D. Un pareggio che entusiasma la squadra, i tifosi e la società consentendo al gruppo dei nerobianchi di rimanere al di fuori della zona playout nonostante la parità di punteggio con il Corticella.

 

La gara

Gli ospiti vanno subito in vantaggio dopo soli cinque minuti di gioco con un tiro dal limite di Beretta che trova una traiettoria imparabile per Aiolfi. Carpi di nuovo pericoloso con il binomio Casucci e Arrondini ma Aiolfi si oppone con efficacia. Al 21’ l’arbitro Recupero di Lecce ordina l’espulsione di Vavassori per un fallo da ultimo uomo mentre la successiva punizione di Beretta si spegne nelle mani del portiere nerobianco. Ci prova poi il Crema con Ricozzi e con Recino ma in entrambe le occasioni interviene Kivila.

Il pareggio nerobianco
Cambi offensivi per Bellinzaghi all’inizio della ripresa mentre il match si fa progressivamente più teso al punto che arrivano le espulsioni del mister nerobianco e successivamente di Ricozzi per doppio giallo. Aiolfi salva il risultato all’83’ e anche Kivila si esibisce in ottimi interventi tra i pali. Un Crema in nove riesce comunque a reagire e a ottenere la rete del pareggio con un’azione corale che coinvolge Bignami, Recino e infine Brero che svetta sugli avversari e colpisce di testa nell’angolino. Traiettoria micidiale e 1 a 1 finale. Un pareggio importantissimo che infiamma il Voltini e galvanizza tutto l’ambiente cremino. Ora i nerobianchi dovranno affrontare il match infrasettimanale di Coppa Italia contro il Derthona, mercoledì a Tortona in occasione dei sedicesimi di Coppa Italia, e domenica sempre in trasferta contro il Prato.

1180