05-12-2022 ore 19:33 | Sport - Basket
di Vittorio Soldati

Parking Graf Crema, alla Cremonesi Brescia non passa. Le ragazze di Piazza vincono per 72 a 65

Torna al successo la Parking Graf Crema, che batte Brescia per 72-65 e contestualmente, stacca ben tre formazioni, lasciandole in coda a quota 2. Un derby ruvido ed equilibrato, in cui però Caccialanza e compagne restano sempre in vantaggio e si meritano l'importante vittoria. Coach Piazza ha scelto una rotazione a 7 più qualche minuto concesso a Rizzi e ha ottenuto un buon rendimento difensivo da tutte le proprie atlete. Più discontinua la fase offensiva ma le prove di Kaba e Conte, metà dei punti di squadra per le due protagoniste, hanno sopperito alla giornata storta di D'Alie e Dickey al tiro.

 

La gara

Per Brescia, ottimo l'apporto di Liga Vente all'esordio stagionale, temuta alla vigilia e autrice di ben 16 punti conditi da 7 rimbalzi. Bene anche Zanardi e Johnson (addirittura 6/7 dalla lunga) mentre Miller McCray e Molnar sono state ben controllate della difesa cremasca. Sugli scudi per il Basket Team, una Anastasia Conte da 6/8 dal campo con 3 triple. La chiave della gara a cavallo dei due quarti finali. Crema prende 13 punti di vantaggio sul 54-41 con Kaba ma si rilassa troppo presto, subendo un controparziale di 10-0. A questo punt9o però la difesa regge e l'attacco torna a giurare a dovere con Dickey che si risveglia nel momento decisivo. Meresz, ottima la sua prestazione dopo un periodo di appannamento, rimandano in orbita la Parking Graf e Brescia sprofonda a meno 16. Nel finale le ospiti rintuzzano ma senza avvicinarsi pericolosamente ma solo riducendo lo scarto, che potrebbe venire utile nella gara di ritorno. Ora per le Piazza girls la trasferta proibitiva di Sassari, attualmente appaiato a Venezia e Bologna in seconda posizione.

 

 

PARKING GRAF CREMA-BRIXIA BASKET 72-65
(21-20; 43-38; 54-51)

BTC: D'Alie 2, Melchiori 10, Nori, Conte 18, Kaba 18, Capoferri ne, Radaelli ne, Caccialanza ne, Rizzi, Dickey 9, Meresz 15, Pappalardo ne. All. Piazza.

1921