29-11-2022 ore 00:00 | Rubriche - La scelta dell'editore
di Giovanni Colombi

Casa del Pellegrino. Un luogo di ritrovo, di socializzazione e soprattutto di inclusione

L’associazione Casa del Pellegrino è nata nel marzo 2017 da volontari della parrocchia di santa Maria della Croce di Crema e dall'associazione Comunità Papa Giovanni XXIII. Attualmente conta sull’impegno di una cinquantina di volontari, la metà dei quali hanno una età compresa tra i 16 e i 22 anni. Essi sono l’anima della casa ed incarnano l’idea che i giovani possono scrivere un futuro diverso, ovvero più accogliente.

 

Luogo di ritrovo, socializzazione e inclusione

Al fine di rendere sempre più la Casa del Pellegrino risorsa per la comunità è nato in modo naturale il servizio di ristorazione, da pochi giorni attivo anche a mezzogiorno per far sì che diventi sempre più un luogo di ritrovo, di socializzazione e soprattutto di inclusione. Alla base vi è l’idea che le attività occupazionali possano migliorare l’autostima e consentire ad alcuni di crescere e maturare, anche da un punto di vista lavorativo, in un ambiente accogliente e lontano da ogni pregiudizio.

3621