25-09-2018 ore 20:11 | Rubriche - Fatto di ambiente
di Alvaro Dellera

Fatto di ambiente. Il riccio comune europeo, il simpatico e amato mammifero plantigrado

Protagonista di infinite favole per bambini, miniaturizzato nei diversi materiali, dal legno all’argilla e dipinto su oggetti di uso quotidiano, il riccio comune europeo o (Erinaceus europaeus), erroneamente chiamato anche porcospino in riferimento all’istrice, (Hystrix cristata), sembra risultare il mammifero più conosciuto e simpatico a grandi e piccini. Tuttavia non è poi così semplice osservarlo nei suoi ambienti naturali a causa delle abitudini crepuscolari o raccolto in nascondigli diurni, scelti per il riposo o per il letargo invernale che può durare fino a cinque mesi.

 

Mammifero plantigrado

Il biotopo del riccio è costituito da boschi di latifoglie e campi aperti. Durante il giorno si riposa tra le sterpaglie o sotto cumuli di rami e foglie, in attesa della notte per compiere delle vere e proprie scorribande. Il riccio è un mammifero, plantigrado, termine questo, che a causa delle sue piccole dimensioni, peso e forme graziose poco gli si addicono, ma questo è.

 

Proverbiale utilità

La sua attività trofica si basa prevalentemente sulla cattura di insetti, chioccioline e micro mammiferi come i toporagni che trova sul suo cammino. Per la sua proverbiale utilità nel catturare insetti nocivi è da sempre particolarmente apprezzato. Non ha predatori significativi e per difendersi ha escogitato un sistema molto efficace: trasforma la parte dorsale del pelo in spinosissimi e rigidi aculei e si chiude su se stesso, divenendo inaccessibile.

 

Ripari congeniali

Si può incontrare in molti luoghi a noi vicini, a volte persino dentro orti e giardini privati di piccole dimensioni purché ci sia un utile riparo diurno. Come tutti i mammiferi di pianura anche per il riccio la minaccia di ridursi numericamente è concreta. Non basta più avere irti aculei di difesa per sopravvivere alle costanti insidie e pressioni della modernità biologica ed ecologica che stiamo attraversando.

797

 La redazione consiglia:

rubriche - Fatto di ambiente
Con solo 150 grammi di peso, è il più piccolo e simpatico mammifero tra le specie di mustelidi esistenti. Decisamente più piccolo della faina, della martora e anche...
rubriche - Fatto di ambiente
Nascosta da ripe sabbiose e cortine di alberi, ispiratrice di pensieri profondi ‘l’isola di Wight’ cremasca si presenta in tutta la sua bellezza. Posta al centro di un tratto del...
rubriche - Fatto di ambiente
Come ogni anno i Cavalieri d’Italia fanno ritorno dai siti di svernamento per tornare a nidificare nelle aree di riproduzione Italiane. La rotta migratoria dall’Africa sub sahariana...
rubriche - Fatto di ambiente
Documentare i mammiferi del cremasco è complicato. Un fatto d’ambiente che intristisce se pensiamo a quali e quante specie di mammiferi sono transitati da queste parti quando la pianura...
rubriche - Fatto di ambiente
“Chiare, fresche et dolci acque, ove le belle membra pose colei che sola a me par donna”. Se non sapessimo che il canzoniere aretino Francesco Petrarca compose attorno all’anno 1340...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi