25-02-2021 ore 20:24 | Rubriche - Comunicazioni ai cittadini
di Claudia Cerioli

Crema. Aperta la raccolta fondi della Caritas per aiutare i migranti delle rotte balcaniche

La Caritas di Crema promuove una raccolta fondi per supportare finanziariamente i servizi e le attività che Caritas Italiana e le Caritas locali stanno effettuando nei campi di accoglienza in Bosnia e Erzegovina. Le offerte possono essere versate sul conto dedicato presso Banca Intesa iban: IT58G0306909606100000128448, indicando la causale “emergenza rotta balcanica”; oppure portate anche personalmente all’ufficio Caritas presso la curia in piazza duomo 27, o presso la Casa della Carità, in viale Europa 2. “Oltre a un contributo economico, fa osservare il direttore Claudio Dagheti, quando verranno meno le restrizioni imposte dalla pandemia, sarà inoltre possibile mettere a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità a favore dei migranti, affiancando il personale Caritas e i volontari bosniaci per periodi brevi (campi estivi, vacanze solidali) o medio-lunghi, di servizio civile e volontariato sociale.” Anche Crema dunque, come molte Caritas diocesane, parrocchie e comunità si è mobilitata per cercare di portare un aiuto concreto a queste persone, cercando di attivare iniziative di sensibilizzazione.

 

Sostegno internazionale

Caritas Italiana è da tempo presente nella maggior parte delle strutture di accoglienza migranti in Bosnia ed Erzegovina, tramite la rete locale delle Caritas diocesane di Banja Luka, Mostar e Sarajevo, oltre che della organizzazione partner Ipsia-Acli. A seconda dei luoghi, vengono offerti servizi diversi, che vanno dalle lavanderie attivate nei vari campi per dare la possibilità di lavare e asciugare gli indumenti, alla distribuzione di legna per il riscaldamento, oltre che di cibo, frutta fresca, bevande calde, kit-igienici, scarpe, abbigliamento. Ma anche attività psico-sociali, educative ed informative per famiglie con bambini e per minori non accompagnati. Le notizie e le immagini delle ultime settimane, tuttavia, raccontano che l’emergenza umanitaria in Bosnia ed Erzegovina, e in particolare nella zona di Lipa, fa seguito alle altre che si sono verificate nei mesi scorsi sia in Bosnia sia in altri Paesi attraversati dalla rotta balcanica.

 

Sguardo aperto al mondo

“È indispensabile conoscere quello che sta succedendo lungo la Rotta Balcanica e quali sono le condizioni di accoglienza in Bosnia e Erzegovina”, sottolinea Fabrizio Motta, referente per Caritas Crema delle tematiche internazionali. “Ed è altrettanto importante farlo sapere anche a parenti, amici, colleghi, compagni di scuola; per sensibilizzare quante più persone possibile su questa situazione, che è inaccettabile. È importante come Caritas avere attenzione alle povertà dell’ambito locale, ma anche mantenere uno sguardo aperto al mondo e attento a quei fenomeni che comunque generano poi povertà sul territorio. Quindi mi auguro che al più presto si possa risolvere il problema dell’emergenza profughi nei Balcani, mettendo al centro le persone che sono in condizioni insostenibili.”

600
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi