24-06-2019 ore 17:30 | Rubriche - Medicina e salute
di Ramona Tagliani

Disabilità e sessualità: oltre i silenzi ed i pregiudizi. Partecipato convegno a Cremona

“Nell’immaginario collettivo le persone disabili non hanno una vita sessuale, è scontato che non possano o addirittura che non siano interessate ad averla. In realtà – hanno spiegato Ilaria Giani e Elena Lucchi, comitato scientifico del Convegno - potrebbe accadere a chiunque di diventare disabile o di innamorarsi di una persona disabile e questo non farebbe venir meno il desiderio e il bisogno di avere una vita sessuale”.

 

Strumenti e riflessioni

Ecco quindi che il convegno organizzato da Arcigay Cremona La Rocca e Associazione Argilla presso la sala Benaco di Cremona - Disabilità e sessualità: oltre silenzi e pregiudizi – si è dimostrata un’ottima occasione per “rompere il silenzio intorno al tema e offrire strumenti e spunti di riflessione; prendere coscienza degli stereotipi e andare oltre ai pregiudizi”. Le relazioni di carattere accademico e scientifico di Flavia Monceri, professore ordinario di Filosofia politica dell’Università del Molise e di Priscilla Berardi, psicoterapeuta e sessuologa bolognese, hanno fornito una base filosofica e teorica.

 

Legami e assistenza

La referente di servizi abilitativi di Fondazione Sospiro, Silvia Berna, ha dato invece un inquadramento del sevizio di abilitazione e ha parlato dei legami affettivi e sessuali nati tra persone con disabilità psichica ospiti della sua unità operativa. Chiara Pedroni (cremonese e campionessa italiana di danza sportiva paralimpica) e Gruppo Jump (collettivo di persone disabili Lgbt di Bologna) si sono raccontati condividendo esperienze personali. Stefano Ferrari, regista e autore del documentario Io, assistente sessuale, ha spiegato il funzionamento del servizio di assistenza sessuale di cui le persone disabili possono usufruire all’interno del Sistema sanitario della Svizzera francese.

93
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato