22-05-2015 ore 12:44 | Rubriche - Storia delle religioni
di don Emilio Lingiardi

Santa Rita. La benedizione delle rose, una tradizione iniziata a Cascia nel 1457

Ricorre oggi la festa liturgica di Santa Rita da Cascia, ricordata nel suo “dies natalis” il 22 maggio 1457. Nata nel 1381 da genitori avanti negli anni, da loro è stata obbligata a sposare Paolo Di Ferdinando, un uomo noto per la sua violenza e aggressività tanto da essersi macchiato di un omicidio. Rita con la sua pazienza l’ha portato alla fede cristiana e ad una vita molto corretta: da lui ha avuto due figli.

Il dramma familiare
Un giorno Paolo è stato ucciso per vendetta e anche i ragazzi avrebbero voluto giustizia con l’uccisione del colpevole. La mamma Rita li ha convinti al perdono anche se molto faticoso tanto che è nota una sua preghiera: “Signore piuttosto che si macchino di sangue è meglio che tu li prenda con te”. In modo misterioso i ragazzi sono morti cosi che Rita libera da impegni familiari ha ripensato alla consacrazione religiosa che aveva già nel cuore fin dalla sua giovinezza. A Cascia era molto vivo un monastero agostiniano: ma le monache si sono rifiutate di accoglierla in quanto sposata e madre, anche se vedova. Una notte in preghiera Rita si trovava davanti al portone del monastero e tre santi, Agostino, Giovanni Battista, Nicola da Tolentino le hanno aperto il portone così che si è trovata nel coro del monastero. Quando il mattino le monache hanno incominciato la preghiera, con meraviglia stupita e disorientata si sono trovate Rita con loro.

La spina conficcata nella sua fronte
Accolta nel monastero è stata così intensa la sua preghiera a Gesù crocefisso che un giorno una spina si è staccata dalla corona e si è conficcata nella sua fronte, lascandovi una piaga purulenta. Nel 1450 il Papa ha indetto un anno santo con la visita a Roma delle sette chiese per l’indulgenza plenaria, dispensando monaci e monache dal rigore della clausura. Anche le agostiniane di Cascia nel mese di gennaio hanno deciso di recarsi a Roma in pellegrinaggio.

Il roseto nel cortile
Nonostante il suo desiderio la madre superiora proibì a Rita di riunirsi a causa della piaga che avrebbe creato problemi per il viaggio. Ma nella notte antecedente la partenza la piaga si è chiusa e nel giardino è fiorito un roseto. Certamente fatto strepitoso perché fuori stagione. Rita si è recata a Roma con le sue consorelle e di ritorno la piaga si è di nuovo aperta fino alla morte avvenuta sette anni dopo. A ricordo di questo fatto, in questa giornata si benedicono le rose come segno di benedizione e di protezione da parte di quella santa definita “santa dell’impossibile”. In Cattedrale le rose saranno benedette dopo la messa delle ore 18 e nella chiesa di San Bernardino in città, via Cesare Battisti, al termine della recita del Santo Rosario alle ore 21.

Oggi al cinema