22-01-2021 ore 18:30 | Rubriche - Medicina e salute
di Andrea Galvani

Grave disabilità e Covid: fra timori e voglia di futuro, l'esperienza del centro diurno Il sole

Il centro diurno Il sole di via Desti accoglie persone tra i 18 ed i 65 anni con grave disabilità e notevole compromissione delle autonomie nelle funzioni elementari. Gli iscritti sono 27 ma i frequentanti sono 22. L’ente titolare dell’accreditamento del Cdd (da gennaio 2011) è l’azienda speciale consortile Comunità sociale cremasca, mentre la Cooperativa sociale società dolce è l’ente titolare della gestione tecnico organizzativa. Chiara Tedoldi è la coordinatrice del servizio. Ci spiega che “tre utenti vivono in comunità socio sanitarie e per il momento non hanno la possibilità di raggiungerci. Altre due famiglie hanno preferito non usufruire del servizio”.

 

I timori

La paura è ancora forte e ciascuno l’affronta come può: “La frequenza è alternata. Per alcuni tre giorni, per altri quattro giorni la settimana”. È molto importante che gli utenti abbiano la garanzia di un trasporto, fornito da Enti incaricati dai comuni di residenza. Durante il lockdown dello scorso anno i contatti le famiglie non si sono interrotti del tutto. Il centro è stato chiuso con un’ordinanza sindacale. Alla riapertura di giugno un piccolo gruppo di 10 persone ha ripreso le attività. Non è stato facile riprendere il filo. Gli utenti hanno dovuto affrontare giornate lunghe, vuote. La signora Antonella Calzi è la referente delle famiglie del centro. Accarezza la figlia Miriam, ci confida delle sue fragilità. Ci spiega che un periodo non l’ha portata nella struttura, non aveva paura di mandarla al centro, “ma di uscire di casa, per la situazione che c’era”. Però “il personale del centro ci ha dato la possibilità di avere a casa degli educatori”. In una situazione di emergenza è stato fatto il possibile.

 

Il prossimo futuro

Ora la situazione è decisamente migliore, “tenendo le mascherine e lavandosi più spesso le mani”. Anche la consapevolezza è differente. Sono iniziati anche i tamponi rapidi. Viene seguita ogni precauzione possibile per limitare i rischi. In tutti c’è una grande voglia di poter tornare a svolgere attività di arte terapia e musicoterapia. Di poter effettuare qualche uscita. Di nuovo insieme. Condividendo i propri spazi. Facendosi forza l’uno con l’altra e sostenendosi nei momenti di difficoltà per poter vivere una vita piena. Riscaldati dai raggi del sole.

1421

 La redazione consiglia:

rubriche - Medicina e salute
Per esprimersi e fare esperienze c’è tempo. O meglio, “Tempo insieme”, grazie alle attività e ai laboratori per giovani con disabilità. Come spiegato dal...
cronaca - Crema
Nei giorni scorsi Crema ha ospitato la prima edizione della Camminata di Primavera. Da via Desti, sede della fondazione Douglas Scotti onlus di via Desti, alla basilica di santa Maria della croce....
rubriche - Medicina e salute
Gli ospiti del Centro diurno disabili Il Sole hanno potuto raccogliere anche quest’anno i frutti del progetto Terra verde. La struttura della Fondazione Douglas Scotti onlus opera in via Desti...
rubriche - Medicina e salute
“Si parla spesso sui disabili, ma questi ragazzi hanno poca voce”. Perciò, in un mondo chiassoso e poco attento, spesso si rischia di non coglierne il sussurro. Di non comprenderne...
rubriche - Medicina e salute
Cosa ci ha insegnato il Coronavirus? “Ci ha spinto ad inventare nuove strategie per affrontarlo. Non abbiamo permesso di distruggerci completamente”. Daniela Martinenghi è la...
rubriche - Medicina e salute
L’ambulatorio medico è tradizionalmente considerato un porto sicuro. Un luogo d’approdo. Per tutti, in particolare per le persone anziane. Offre un ristoro e garantisce ascolto,...
rubriche - Costume e società
È passato un mese e sembra una vita. Il ‘coprifuoco’ scatta alle 18. Scandito dai rintocchi del Duomo (quanto ci mancano le campane a festa), in centro storico resta solo il rumore...
rubriche - Medicina e salute
“Prendersi cura di una persona morente è un onore e un privilegio concesso a pochi nella nostra società”. Impossibile dar torto a Paul Rousseau, capo del dipartimento di...
rubriche - Medicina e salute
L’ospedale Maggiore ha saputo rimodulare l’organizzazione velocemente, aggiornando passo dopo passo le procedure attraverso l’esperienza acquisita sul campo. Decisivo...
rubriche - Medicina e salute
“Il Covid non ha cambiato il senso del mio lavoro. Ho a che fare tutti i giorni con la nascita”. Loredana Mascheroni, ostetrica dell'ospedale Maggiore di Crema, accoglie nuova vita...
rubriche - Medicina e salute
Li abbiamo definiti eroi. Li abbiamo osannati, omaggiati, celebrati. Li abbiamo visti lavorare senza sosta in questa lotta contro il virus. In questa corsa contro il tempo. Perché prendersi...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi