20-03-2020 ore 18:00 | Rubriche - Costume e società
di Ramona Tagliani

SarsCovid-19 e disabilità: ‘Il popolo silente esiste e chiede solo di essere riconosciuto’

“Si può uscire solo per motivi lavorativi o per motivi sanitari o uno per famiglia per la spesa”. Come spiega Laura Bonomi dello Sportello Sai? di Anffas Onlus Crema “il virus ci impone di stare in casa, ci impone distanza fisica, ci impone isolamento. Solo così si può sconfiggere. Il virus ci impone la solitudine: la solitudine nei letti di ospedali che ogni giorno sentiamo atterriti in tv, la solitudine di chi a casa sta male e attende che passi, la solitudine di chi è costretto a casa bisognoso di un aiuto che non può arrivare”.

 

La solitudine dei bisognosi

“Le persone con disabilità forse non sono un numero così elevato da fare notizia, ma in questo momento sono una parte della popolazione che vive la solitudine dei bisognosi. Per motivi di ordine sanitario giustamente tutto è chiuso (centri, servizi, scuole) e così il popolo silente rimane in casa attendendo che la tempesta passi con famiglie affaticate che provano a fare del loro meglio, ma la giornata è lunga! Non serve la Tv, non basta la radio, non è sufficiente il pc, tutto quello che il resto della popolazione sta mettendo in campo per riuscire a passare questo periodo (peraltro spesso lamentandosi), non è minimamente corrispondente ai bisogni delle persone con disabilità”.

 

Non mantengono le distanze

“Non c’è soluzione, non c’è una giusta risposta, si avrebbe bisogno di qualcuno in casa che aiuti nell’assistere Claudio, Giulia, Maria, ma non si può perché è pericoloso, non si può perché non si mantengono le distanze di sicurezza. In questi ultimi 15 giorni in particolar modo, sono arrivate richieste di tutti i tipi, abbiamo ascoltato storie di ogni genere, abbiamo cercato di attivare quello che in questo momento è attivabile, sapendo che quel vuoto, sapendo che quei bisogni sono colmati in minima parte”.

 

Il popolo silente

“Ma il popolo silente nonostante tutto riesce a non lamentarsi e in maniera dignitosa sta cercando d tenere duro. Le famiglie delle persone disabili sono abituate, la resilienza fa parte del Dna di ognuna di loro, e loro sanno che questo momento finirà, ma hanno bisogno almeno di essere ascoltate e accolte, hanno bisogno di sapere che i servizi ci sono anche se in maniera diversa, hanno bisogno di pensare che questa distanza sia solo fisica. Il popolo silente esiste, chiede solo di essere riconosciuto”.

1347
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi