19-01-2018 ore 18:45 | Rubriche - Fatto di ambiente
di Alvaro Dellera

Fatto di ambiente. Il cormorano cremasco, gregario e predatore tra Adda, Oglio e Serio

Divenuti ormai stanziali anche nel cremasco con una popolazione che supera il centinaio di esemplari sparsi lungo i bacini idrici di Serio, Adda e Oglio, il cormorano (Phalacrocorax carbo) lo si trova sempre più frequentemente anche lungo il corso del canale Vacchelli nel tratto cittadino di Crema. Appartiene all’ordine dei pellicaniformi la cui sacca gulare gialla richiama quella dei pellicani. Specie gregaria, nidifica su alberi medio alti in colonie molto numerose. La sua presenza ma soprattutto la sua particolare arte predatoria, nell’inseguire e catturare pesci sottacqua, divide un poco l’opinione pubblica sulla sua opportunità.

 

Mitologiche illustrazioni

I cormorani indubbiamente non sono dei campioni di bellezza, un po’ anatre un po’ svassi, in acqua sono discutibilmente bruttini, richiamano un poco le illustrazioni mitologiche di figure assomiglianti a leggendari mostri marini. La colorazione uniformemente nerastra, il becco lungo e possente che termina con piccolo rostro, gli occhi vitrei chiari e sporgenti non aiutano a rendere simpatica questa specie. Solamente durante la fase nuziale, che inizia molto presto rispetto ad altri uccelli acquatici, già a gennaio, il cormorano appare decisamente più gradevole. La livrea nerastra del capo diventa bianco candida e ai lati dell’addome compare una macchia ovale bianca fatta di lunghe piume sottili. Caratteristica peculiare di questa specie è la mancanza di sostanze grasse dell’epidermide che renderebbe impermeabile il loro piumaggio. Questa mancanza obbliga i cormorani ad asciugarsi continuamente dopo essersi immersi in acqua, dispiegando le ali al vento sopra un posatoio.

 La redazione consiglia:

rubriche - Fatto di ambiente
Anche quest'anno i gufi (Asio otus) hanno deciso di trascorre il periodo delle festività natalizie nel Cremasco. Da giorni alcuni esemplari si radunano sugli alberi per riposare, dopo una...
rubriche - Fatto di ambiente
Con solo 150 grammi di peso, è il più piccolo e simpatico mammifero tra le specie di mustelidi esistenti. Decisamente più piccolo della faina, della martora e anche...
rubriche - Fatto di ambiente
“Che sarà quell'ombra in fondo al viale di casa mia. Sarà il cane che ritorna, ma il cane non è. Che sarà quell'ombra sulla strada. Sarà la volpe...
rubriche - Fatto di ambiente
Avevamo il sospetto che potesse avvicinarsi molto alla città, ma vederlo in azione oggi, a qualche centinaio di metri dalla piazza Duomo a Crema, ha sorpreso tutti. Il falco...
rubriche - Fatto di ambiente
D’estate, fra luglio e agosto, la nostra pianura si arricchisce di tinte forti. Fiori, farfalle, libellule e insetti vari colorano, come in una tela di Matisse, i verdi prati stabili e le rive,...
rubriche - Fatto di ambiente
Si stima che in Italia non ne vivano più di 150-200 coppie. Da gennaio 2016 a oggi secondo le statistiche acquisite dalla piattaforma Ornitho.it le osservazioni sono state di 115 individui...
Oggi al cinema