18-06-2020 ore 18:21 | Rubriche - Medicina e salute
di Andrea Galvani

Crema. Covid: ‘non abbiamo curato tutti, ma siamo stati capaci di prenderci cura di tutti’

“Sono stato tra i pochissimi a non ammalarmi. E ancora non ho capito perché”. Lo dice con un filo di voce, quasi fosse una colpa. Con la mascherina appoggiata sulle labbra, le gambe accavallate, le braccia strette in un abbraccio. Durante il racconto, negli occhi torna la grande paura di ammalarsi, di infettare le persone care. Attilio Galmozzi ha anche cambiato voce. L’emozione è troppo densa, non c’è spazio per l’ironia. È insolitamente profonda, senza la sferzata in dialetto. Senza la battuta che strappa un sorriso anche nelle situazioni più complicate della vita. Attorno fa capolino il silenzio, tra i suoni della natura e le risate dei bambini. Il brulicare delle persone nella zona del mercato è vissuto con disincanto. Troppo ingombrante quello che è appena stato vissuto. L’emergenza Covid è ancora appiccicata addosso. Molti impareranno a convivere col dolore. Per altri non sarà possibile.

 

Un argine al dolore

Le maschere ne nascondevano i lineamenti, finendo per contrappasso ad esaltarne l'umanità, moltiplicare la capacità di sostenersi reciprocamente. Sulle tute, oltre ai loro nomi, facevano disegni. A volte piccole caricature. Per creare un argine al male con uno sprazzo di felicità. È di questo che racconta il medico del pronto soccorso e l’assessore all’istruzione. Di quella miriade di piccoli gesti, della resistenza a una realtà che improvvisamente è diventata un incubo. Scandita dalle sirene delle ambulanze ad ogni ora del giorno e della notte. Coi cremaschi agghiacciati, in casa, a sentirle sfilare. A domandarsi: ‘se tocca a me cosa faccio?’. Un ospedale trasformato via facebook ‘in struttura specializzata Covid’. A parole. Mentre a pochi chilometri strutture blasonate – certo la pubblicità sa far miracoli - non venivano nemmeno sfiorate dai pazienti infetti. Pardon, dai contagiati.

 

Rispetto e solidarietà

Attorno al Maggiore la città si è stretta con quella discrezione che la contraddistingue. A testa alta, costi quel che costi. Offrendo tutto ciò che è necessario. Tutto quel che serve. Tutta se stessa. Fino alla fine. E in cambio ha ricevuto l’aiuto di medici e infermieri, professionisti navigati e specializzandi: persone abituate a rispondere presente. A rimboccarsi le maniche. Da Palermo a Belluno, da Cuba alla Guyana. Attilio Galmozzi si è specializzato in oncologia e dopo averla odiata con tutto se stesso, “ha finito con l’innamorarsi della medicina d’urgenza”. Ombrianese, di quella parte di Crema dove il sole tramonta e non sorge, dove gli spazi aperti dei campi sono stati coperti dal cemento e i giorni (tutti i giorni) son fatti di fatica. È cresciuto in una famiglia che gli ha insegnato rispetto e solidarietà. Con l’esempio. Famiglie in cui basta uno sguardo, dove parla anche un respiro. Durante l’emergenza Covid non ha saltato un giorno di lavoro. Lui e molti altri, certo non tutti, possono fissare negli occhi chiunque nel dirlo: “nessuno di noi si è tirato indietro”.

 

La potenza della vita

In questa lunga intervista che confluirà in un progetto che Cremaonline condivide col Centro di ricerca Alfredo Galmozzi, parla dell’inarrestabile potenza della vita in quello che lui e le colleghe hanno definito un girone infernale: fuor di metafora s’è trasformata in “un bicchier d’acqua, una carezza, una parola gentile a chi non aveva nessun altro da salutare”. Dentro quelle tute c’erano padri e figli, madri e sorelle. A loro sono stati affidati un ultimo pensiero, un mezzo, luminoso sorriso dopo una vita intera. Una responsabilità troppo grande per non essere condivisa. Ora Galmozzi e alcuni colleghi hanno deciso di raccontare, Di offrire un contributo concreto per migliorare la sanità pubblica. Per non darla vinta all’oblio. Come bucaneve che spuntano sfrontati in mezzo al gelo. “Sono stato tra i pochissimi a non ammalarmi”: ecco forse perché. C'è ancora molto da fare. Tutti insieme. Ognuno per ciò che gli compete. Non un briciolo di meno, anche solo un pizzico in più.

9288

 La redazione consiglia:

cronaca - Ripalta Cremasca
Serata coinvolgente e a tratti commovente quella che si è svolta, martedì 16 giugno a Ripalta Cremasca. Sono emerse le esperienze personali legate all’emergenza Covid, lasciando...
rubriche - Costume e società
Un medico dal carattere forte e dal cuore grande. Nella sua vita ha sempre operato in zone del mondo al limite, critiche, senza vacillare, restando quindi fedele alla sua missione, intrapresa nel...
rubriche - Crema
Ci sono persone, professionisti qualificati che, nonostante il timore e l’incertezza legata all’emergenza del Covid-19, decidono di mettersi in gioco, riorganizzando la propria vita,...
rubriche - Medicina e salute
L’emergenza Covid-19 non si ferma, anche se la situazione è in lieve miglioramento, soprattutto in alcuni paesi del Cremasco, tra i più colpiti dal virus. Ne abbiamo con il dottor...
cronaca - Crema
“In pronto soccorso i momenti difficili sono stati tanti. Soprattutto nelle fasi di sovraffollamento: gli indici che misurano il grado di sovraffollamento sono stati al massimo per quattro...
cronaca - Crema
“Per far fronte all’emergenza Coronavirus, l’Ospedale di Crema, già dai primi giorni, ha sospeso le attività in elezione e ha provveduto a riorganizzarsi internamente,...
politica - Crema
Insieme allo stillicidio di sirene ad ogni ora del giorno e della notte, continua a far discutere (e al momento non trova alcuna spiegazione) quanto disposto dalla politica regionale sulla...
rubriche - Costume e società
È passato un mese e sembra una vita. Il ‘coprifuoco’ scatta alle 18. Scandito dai rintocchi del Duomo (quanto ci mancano le campane a festa), in centro storico resta solo il rumore...
cronaca - Crema
Gli infermieri dell’Asst di Crema, nella giornata internazionale dedicata alla loro professione, si sono ritrovati in sala Polenghi ad ogni fine turno, tra le 10 e le 22. Particolarmente...
rubriche - Costume e società
“Chi scrive è un’infermiera di quasi 30 anni e lo fa dalla prima linea del fronte; lavoro per la maggior parte in terapia intensiva, ma ricopro ruoli anche in pronto soccorso e...
rubriche - Costume e società
“Direttore buonasera. In questo periodo è facile parlare di disagi, errate informazioni presidi mancanti, insomma puntare il dito. Adesso vi racconto la mia storia: mi chiamo Laura e...
politica - Crema
Chieste e ottenute in anticipo le domande (52 in tutto) da parte dei vari gruppi consiliari (in allegato) e con un pizzico di apprensione (quantomeno iniziale), oggi pomeriggio si è...
cronaca - Crema
“Non avrei mai immaginato di raggiungere una tale adesione”. Queste le parole di Maurizio Borghetti, radiologo dell'Asst di Crema originario di Cesena, che insieme alla società...
cronaca - Crema
Dall’ospedale da campo di Crema, la toccante testimonianza del medico di Guantánamo, Leonardo Fernández, uno dei componenti della brigata medica cubana, raccolta...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi