15-07-2022 ore 09:18 | Rubriche - Fiesco
di Claudia Cerioli

Alla Rsa di Fiesco uno chef giramondo. ‘Piatti prelibati per far riscoprire il piacere del cibo’

Non è necessariamente vero che per apprezzare un piatto prelibato e gustoso si debba andare in un ristorante stellato o avere a disposizione ingredienti ricercati: a volte le cose più semplici possono riservare delle sorprese. È questo il succo della lezione dello chef Antonio Gusmaroli, che ogni giorno cucina e impiatta delle prelibatezze per gli ospiti anziani della RSA ‘Villa Abbadia’ di Fiesco, gestita da Sereni Orizzonti. Gusmaroli, dopo la scuola alberghiera ha girato il mondo. Ha lavorato nelle cucine più rinomate della Costa Smeralda, Istambul, Barcellona, Göteborg e Vienna. Infine, dopo l’esperienza come chef al Jolly Hotel di Milano, ha collaborato anche con l’Hotel Danieli di Venezia e l’Hotel Sheraton di Firenze.

 

Attento a tutte le esigenze

“Dopo il matrimonio mi sono stabilizzato e sono tornato nella mia regione d’origine - racconta Gusamaroli - Ho iniziato a lavorare nella casa di riposo di Fiesco. Dovunque si vada, dal ristorante importante alla cucina di una residenza per anziani, l’amore per la cucina è lo stesso e l’arte e la creatività che impegno nel mio lavoro non sono mai cambiate. Ogni giorno offro ai pazienti della struttura un menù di ristorazione rivisitato secondo le varie esigenze. Ci sono alcuni ospiti che possono e desiderano mangiare tutto, altri che invece, per motivi di salute, hanno perso l’appetito. La mia sfida quotidiana è anche questa: ridare il piacere del cibo anche a chi l’ha perduto”.

4078