15-04-2024 ore 10:08 | Rubriche - Costume e società
di Claudia Cerioli

L'atleta paralitico Devincenzi all'intermeeting lions insegna a 'credere all’impossibile’

Accettare se stessi è la condizione imprescindibile per cambiare e crescere. Queste sono le parole pronunciate dal’atleta paralimpico Andrea Devicenzi, relatore nella serata intermeeting dei Lions Clubs Crema Serenissima, Duomo oltre le Mura, Gerundo, Pandino Gera d’Adda Viscontea, Castelleone, Soncino e il Leo club Tarantasio. Un’intermeeting all’insegna dell’inclusione dove lo stimolo e la forza di chi ha subito un disagio diventa proiezione per sostenere obiettivi e prove di elevata peculiarità. Credere all’impossibile. Questo il progetto presentato dall’Atleta para-olimpico Devicenzi, in cui situazioni difficili e tragitti seppur complessi se accompagnati da atteggiamenti positivi inducono sempre ad una autostima e risultato eccellente.

 

Contributo all’ospite

Una serata coinvolgente , con un’ampia presenza di soci e ospiti ha regalato un’atmosfera coesa e stimolante, soprattutto per l’interazione dei presenti che si è venuta a creare. I presidenti dei club Lodovica Benelli , Riccardo Murabito, Alberto Lepre, Selene Ogliari, Adriano Corradini, Vittorio Malfasi e Matteo Doldi, hanno donato un contributo quale service per il progetto credere all’impossibile unitamente ai gagliardetti. L’intermeeting si è concluso con i saluti della presidente di zona Anna Fiorentini, dal secondo vice governatore Roberto Rocchetti e dal tocco della campana dei presidenti.

1442