15-01-2019 ore 12:37 | Rubriche - Costume e società
di Andrea Galvani

Luca Guadagnino lascia Crema. Tornerà a Milano, vivrà tra Parigi, Heidegger e Guccini

Il 31 dicembre scorso il regista Luca Guadagnino ha rilasciato una lunghissima intervista a Badtaste.it e per qualche secondo ha parlato di Crema, annunciato il trasferimento a Milano e fornito qualche elemento per i fan. Se non desta scalpore la notizia in sé – visto che san Martino capita a molti – è un altro passaggio a solleticare la polemica o la battuta salace in città. “Ho fatto l’errore clamoroso di girare Call me by Your Name a Crema, non si deve mai girare un film nella propria casa”. Apriti cielo.

 

Qui non è Hollywood

Com’è noto il film ha avuto un travolgente successo, anche se per settimane s’era discusso dei “disagi” dovuti al set, della chiusura di strade e negozi per consentire le riprese. Guadagnino ha vissuto quel periodo avvertendo una “ostilità brutale”. In riva al Serio, tra vicoli e bar, soprattutto nell’antico e maestoso palazzo di piazza Premoli, arricchito da uno straordinario cedro del Libano, il regista palermitano aveva trovato quella che definisce “anonimia”. Per i cremaschi invece è “riservatezza”: condizione indispensabile e non commerciabile; del resto, come ben sa, qui non è Hollywood.


La piccola città

E poi, come s’insegna nell'antica via Giardino, ‘anonimia’ significa “assenza voluta o fortuita del nome” - dice niente Call me by your name? - oppure “la condizione dell'uomo il cui modo di essere si inscrive nella banalità del quotidiano”. Chissà che nella scintillante e multiculturale Ville lumière, lasciati gli orizzonti bassi del mare di pianura, possibilmente evitando 'i gilet gialli' non s’imbatta nel pensiero di Martin Heidegger o gli arrivino le parole del maestro di Pavana e della sua poesia: Piccola città. E nel caso capitasse, chissà che non sopraggiunga il desiderio o l'urgenza di darne una lettura cinematografica. Come suol dirsi in questi casi: grazie di tutto, ma soprattutto buon viaggio. In allegato l’intervista integrale. Il legame con la città non si spezza: entro le mura continuerà a vivere sua mamma. Lei sì protetta dall'anonimato. (Ha collaborato Andrea Aiolfi).

4426

 La redazione consiglia:

rubriche - Costume e società
Lunedì 29 gennaio, presentazione ufficiale di Chiamami col tuo nome. In attesa della notte degli Oscar, la pellicola di Luca Guadagnino debutta ufficialmente nella città che l'ha...
cultura - Proiezioni
Storia di un'educazione sentimentale, di un'attesa, di una ricerca, di due passaggi. I giochi d’amore sono una cosa seria e anche un adolescente può, purtroppo, conoscere il...
cultura - Proiezioni
La ribalta va estesa a tutto il territorio, non solo a Crema. In vista dell'evento speciale di 29 gennaio al multisala Porta Nova l’attesa cresce la...
cultura - Incontri
Da Parigi a Crema, per ricomporre i frammenti del film preferito e immergersi nell'atmosfera magica del grande schermo. Ad una settimana dall’anteprima italiana, una studentessa...
cultura - Proiezioni
Con la proiezione di domenica a Salt Lake City, Call me by your name, l’ultimo film del regista Luca Guadagnino inizia il tour mondiale di presentazione. Dopo il Sundance film festival, la...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno

SPAZIO ALLE ASSOCIAZIONI


polocosmesi confartigianato