12-02-2024 ore 15:03 | Rubriche - Lombardia
di Claudia Cerioli

Emergenze. In Lombardia gestite cinque milioni di chiamate. 'Guida anche per le altre regioni’

La giornata del malato e della Madonna di Lourdes che si è svolta domenica 11 febbraio è coincisa con quella europea dedicata al numero unico di emergenza europeo 112. È da comporre in tutti i casi di emergenza per la tempestiva attivazione del soccorso sanitario, delle forze di pubblica sicurezza e dei vigili del fuoco. In Lombardia il servizio è gestito da Areu, agenzia regionale emergenza urgenza. E’ stato attivato nel 2010 con una prima sperimentazione a Varese e progressivamente esteso a tutto il territorio regionale, con un modello di gestione delle chiamate realizzato in attuazione della normativa dell'Unione europea. Nel 2023 in Lombardia il 112 ha gestito oltre cinque milioni e mezzo di chiamate, con un filtro di circa il 50 per cento rispetto alle chiamate improprie.

 

Come funziona

Come precisa l’assessore regionale al welfare Guido Bertolaso: “è la porta di accesso del cittadino per tutte le emergenze. La Lombardia ha visto nascere il numero unico e contribuisce all’attivazione del servizio in molte altre regioni”. Attualmente il servizio viene gestito da tre centrali uniche di risposta situate a Varese, Brescia e Milano. Gli operatori, dopo aver localizzato il chiamante e individuato la tipologia di soccorso richiesto, inoltrano le telefonate alla centrale operativa dell’ente competente per l’emergenza in atto (soccorso sanitario, forze di pubblica sicurezza e vigili del fuoco). La gestione della chiamata con il successivo inoltro alle centrali di competenza è un passaggio che avviene in pochi secondi e garantisce due aspetti di fondamentale importanza per l’efficienza e l’efficacia del servizio: da un lato vengono filtrate tutte le chiamate improprie che non sono oggettive richiese di emergenza; dall’altro grazie ai sistemi di geolocalizzazione è possibile individuare con precisione la posizione dell’utente, facilitando l’arrivo dei soccorsi sul posto.

1946