12-02-2017 ore 20:43 | Rubriche - L’oasi
di Tiziano Guerini

Le riserve fossili ed il sistema capitalista. Il futuro dipende dall'innovazione tecnologica

Che ne sarà della organizzazione capitalistica del mondo globale quando sarà esaurita la fonte energetica - l'81% da riserve fossili - rappresentata in particolare dal petrolio (previsione esaurimento pozzi: 2070)?. Con buona pace dei visionari di un nuovo mondo totalmente nuovo - è certo che accadrà ma per motivazioni ben più profonde di quelle politiche - saranno le stesse capacità scientifico-tecnologiche a prolungare l'organizzazione capitalistica o post capitalistica della società fino a che la stessa tecnologia non avrà esaurito la propria spinta propulsiva, cosa dalla quale siamo presumibilmente molto lontani.

 

Scelte economiche e politiche

“L'età della pietra non è finita per mancanza di pietre”, ha giustamente ricordato Ahmed Zaki Yamani, Ministro del Petrolio e delle risorse minerarie dal 1962 al 1986, “ma per l’arrivo dell'età del bronzo e del ferro”. Nello stesso modo accadrà con la tecnologia: se ora inquina, poi disinquinerà. Il tema oggi è quello dell’ulteriore spinta all’innovazione tecnologica dei Paesi, occidentali e non, capaci e disponibili a prevedere il futuro prossimo e a fare le scelte politiche ed economiche adeguate.

Oggi al cinema