07-12-2020 ore 20:34 | Rubriche - Medicina e salute
di Andrea Galvani

Asst Crema. Oncologia, prioritario garantire prosecuzione delle cure e diagnosi precoce

In un ospedale il reparto di oncologia è sicuramente tra i più ‘temuti’. Ci si avvicina con ansia crescente e mentre aumenta il battito diminuisce il rumore che si produce. Si vorrebbe parlare con un filo di voce, per non disturbare. È al momento di varcare la soglia che si comprende di attraversare un confine. Le persone fanno il punto con se stesse e inevitabilmente restano spiazzate. In ogni situazione della vita ci si sente a proprio agio se l’accoglienza viene effettuata in modo cordiale, pacato. A maggior ragione se la prima cosa che s’incontra è un grande sorriso.

 

Proseguire le cure

Le caratteristiche del reparto fanno tutt’uno col primario Maurizio Grassi. Anche con lui affrontiamo la vicenda del Covid: “La prima ondata ha avuto l’effetto di un cazzotto in faccia. I medici hanno dovuto continuare a curare malattie che non sono andate in lockdown”. La riorganizzazione sanitaria ha coinvolto ovviamente anche l’oncologia. Dal primo triage ‘telefonico’ alla cura certosina degli accessi: “nessuno entra se non ha un tampone negativo, con una lastra del torace dubbia o con una febbre che non sia chiaramente attribuibile a un’altra causa che non sia Covid”. Il centro di tutto è “la garanzia della prosecuzione delle cure”.

 

Diagnosi precoce

All’inizio dell’anno il reparto ha chiuso “per qualche settimana”. Alcuni pazienti sono stati trasferiti ad altri ospedali per cure che “in condizioni normali” avrebbero ricevuto a Crema. Seppur con limitazioni le cure oncologiche “hanno continuato a funzionare come day hospital. A nessuno è mancata la possibilità di fare la chemioterapia se ne aveva bisogno”. I volontari hanno continuato ad accompagnare le persone a Cremona per la radioterapia. Superata l’estate e avviati verso l’autunno, spiega Grassi, “per molti pazienti ci sono stati ritardi nelle diagnosi, abbiamo visto più frequentemente situazioni di malattia avanzata arrivare all’osservazione dei medici. La cura del paziente oncologico parte molto da lontano”. Molto, se non tutto, ruota attorno alla “diagnosi precoce”. Spesso distratti dal ritmo frenetico della vita ci si dimentica quali siano le priorità. Talvolta basta poco: respirare a fondo, prendersi del tempo e imparare ad ascoltare il proprio corpo. Insomma, come direbbe Piero Ciampi, "l'amore è tutto qui".

1748

 La redazione consiglia:

rubriche - Medicina e salute
“Il reparto di neurologia dell’ospedale di Crema ha sempre continuato a lavorare”. È rimasto aperto anche nella fase uno dell’emergenza Covid. “La...
rubriche - Medicina e salute
L’ospedale Maggiore ha saputo rimodulare l’organizzazione velocemente, aggiornando passo dopo passo le procedure attraverso l’esperienza acquisita sul campo. Decisivo...
rubriche - Medicina e salute
La cardiologia è senza dubbio tra i reparti più complessi da gestire in tempo di emergenza sanitaria. Come spiega il primario, Maurizio Landolina, “richiede un grande sforzo ma...
rubriche - Medicina e salute
In ambito ospedaliero la sicurezza di operatori e pazienti è di primaria importanza. Durante un’emergenza sanitaria è decisiva, perché consente di mantenere...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi