05-08-2020 ore 20:45 | Rubriche - Costume e società
di Gloria Giavaldi

Laura Pellizza dopo la malattia: 'Sono senza forze, vivo con la sindrome post Covid19'

“Convivo perennemente con una sensazione di stanchezza, mialgia diffusa, problemi respiratori, nausea, rash cutanei, perdita di memoria e concentrazione. Il Covid mi ha cambiato la vita”. Laura Pellizza, operatrice sociosanitaria di una rsa del territorio era “solare, attiva, propositiva”. Mai ferma. “Ora non riesco a portare una borsa senza affaticarmi”. È amareggiata anche dal disinteresse delle persone. “I malati di Covid spesso vengono scambiati per ipocondriaci”. Laura ha raccontato la sua esperienza con coraggio anche durante la serata informativa organizzata a Casale Cremasco, giovedì 30 luglio, di fronte ad una folta platea.

 

Assistenza a domicilio

Il virus l'ha colpita il 13 febbraio. “Verso sera ho avvertito un forte mal di gambe. La notte è subentrata una leggerissima febbriciattola”. Nei giorni successivi si sono aggiunti “dispnea, tosse, gonfiore. Non sono i tipici sintomi di un'influenza”. Solo il 26 marzo con la tac è arrivata la diagnosi: polmonite interstiziale da covid. Poi il tampone è risultato positivo. “Ho avuto paura”. Da lì l'isolamento: “È stato un delirio”. La forma, però, non era delle più gravi. Laura è stata assistita al domicilio dai medici delle unità speciali di continuità assistenziali (Usca), oltre che dal suo medico di base. “Mi hanno garantito un monitoraggio costante e, quando ne ho avuto bisogno, un'assistenza tempestiva. Sono stati molto gentili e premurosi”. Le hanno fornito un saturimetro ed un supporto psicologico continuativo. “Mi hanno consigliato diversi esercizi di rilassamento da fare, oltre a seguirmi nello svolgimento della ginnastica respiratoria”.

 

Sindrome post covid

Negativa dal 24 aprile, per Laura il Covid non è un capitolo chiuso. “Sto facendo ancora accertamenti clinici. Certi segni resteranno, sia sul corpo che nel carattere. Non sopporto più i negazionisti: il Covid mi ha stravolto l'esistenza. Prima mi divertivo, ora sono senza forze”. A questo si aggiunge la costante paura di una ricaduta: “Non ho anticorpi, anche la speranza di poter donare il plasma è tramontata”. Racconta i sintomi che quotidianamente avverte con pochissimo fiato. Poi si ferma e riattacca: “In Italia, ad oggi, la sindrome post Covid non è riconosciuta nella sua complessità”. Forse anche per questo, insieme ad altri pazienti negativizzati ha deciso di far sentire la propria voce attraverso il gruppo Facebook 'Noi che il Covid l'abbiamo sconfitto', fondato da Morena Colombi. “I disturbi che avverto ogni giorno sono in realtà comuni, la nostra condizione deve essere riconosciuta. Per questo ci siamo rivolti alle istituzioni”.

6709

 La redazione consiglia:

rubriche - Medicina e salute
“Non sono mai stata così male in tutta la mia vita. Penso che apprezzerò molte cose in maniera diversa”. Quella di Diana Visigalli, trentaduenne di Castelleone, è la...
rubriche - Costume e società
È passato un mese e sembra una vita. Il ‘coprifuoco’ scatta alle 18. Scandito dai rintocchi del Duomo (quanto ci mancano le campane a festa), in centro storico resta solo il rumore...
cronaca - Casale Cremasco
“Non possiamo abbassare la guardia perché il virus è ancora tra noi. La buona notizia è che ha perso d’intensità”. Negli occhi di Giuseppe Lupi,...
cronaca - Ripalta Cremasca
Serata coinvolgente e a tratti commovente quella che si è svolta, martedì 16 giugno a Ripalta Cremasca. Sono emerse le esperienze personali legate all’emergenza Covid, lasciando...
cronaca - Crema
“In pronto soccorso i momenti difficili sono stati tanti. Soprattutto nelle fasi di sovraffollamento: gli indici che misurano il grado di sovraffollamento sono stati al massimo per quattro...
rubriche - Medicina e salute
“Sono stato tra i pochissimi a non ammalarmi. E ancora non ho capito perché”. Lo dice con un filo di voce, quasi fosse una colpa. Con la mascherina appoggiata sulle labbra, le...
cronaca - Casale Cremasco
“Non possiamo abbassare la guardia perché il virus è ancora tra noi. La buona notizia è che ha perso d’intensità”. Negli occhi di Giuseppe Lupi,...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi