03-06-2022 ore 14:30 | Rubriche - Comunicazioni ai cittadini
di redazione

Referendum sulla giustizia: il quarto quesito, per una 'equa valutazione dei magistrati'

Domenica 12 giugno gli elettori saranno chiamati a votare il referendum sulla giustizia. I quesiti ammessi sono cinque e riguardano la riforma del Csm, l’abolizione della legge Severino, i limiti agli abusi della custodia cautelare, la separazione delle funzioni dei magistrati e la loro equa valutazione. La proposta soggetta a referendum è approvata se hanno votato la maggioranza (50%+1) degli aventi diritto al voto e se è raggiunta la maggioranza (50%+1) dei voti validamente espressi.

 

Il primo quesito

Il quarto quesito (scheda di colore grigio) riguarda l'equa valutazione dei magistrati. Ecco il testo: “Volete voi che sia abrogato il Decreto legislativo 27 gennaio 2006, n. 25 (Istituzione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e nuova disciplina dei Consigli giudiziari, a norma dell’articolo 1, comma 1, lettera c) della legge 25 luglio 2005 n. 150), risultante dalle modificazioni e integrazioni successivamente apportate, limitatamente alle seguenti parti: art. 8, comma 1, limitatamente alle parole “esclusivamente” e “relative all’esercizio delle competenze di cui all’articolo 7, comma 1, lettere a)”; art. 16, comma 1, limitatamente alle parole: “esclusivamente” e “relative all’esercizio delle competenze di cui all’articolo 15, comma 1, lettere a), d) ed e)?”.

 

Spiegazione

La valutazione della professionalità e della competenza dei magistrati è in carico al Csm; il Consiglio superiore della magistratura decide sulla base di valutazioni fatte anche dai Consigli giudiziari, organismi territoriali nei quali, però, decidono solo i componenti appartenenti alla magistratura. Secondo il comitato referendario “questa sovrapposizione tra “controllore” e “controllato” rende poco attendibili le valutazioni e favorisce la logica corporativa. Col referendum si vuole estendere anche ai rappresentanti dell’università e dell’avvocatura nei consigli giudiziari la possibilità di avere voce in capitolo nella valutazione”.

 

Consigli giudiziari: chi li compone e come lavorano?

“Sono organismi territoriali composti da magistrati, ma anche da membri “non togati”: avvocati e professori universitari in materie giuridiche. Questa componente laica, che rappresenta un terzo dell’organismo è esclusa dalle discussioni e dalle votazioni che attengono alle competenze dei magistrati, limitata al ruolo di “spettatore”. Solo i magistrati hanno oggi il compito di giudicare gli altri magistrati. Una condizione che è addirittura in contrasto con lo spirito della Costituzione, che ha voluto che nel Csm vi fosse una componente non togata con eguali poteri dei componenti magistrati. Se vince il viene riconosciuto anche ai membri “laici”, cioè avvocati e professori, di partecipare attivamente alla valutazione dell’operato dei magistrati”.

1848