01-04-2019 ore 14:34 | Rubriche - Musica
di Giovanni Colombi

Musica. Le novità e la classifica settimanale: Fiorella Mannoia, i 40 dei Toto e Rkomi

In collaborazione con il negozio Freak Music Store di Crema vi segnaliamo le novità discografiche del panorama musicale nazionale ed internazionale, nei negozi questa settimana e la classifica dei dischi più venduti in città.

Fiorella Mannoia, “Personale”
Nuovo studio album per Fiorella Mannoia, cantautrice che inizia la sua carriera nel 1968, distinguendosi nel panorama musicale italiano per il suo timbro vocale particolare e per le interpretazioni di pezzi di altri artisti. Ha calcato il palco del Festival di Sanremo cinque volte, riuscendo ad aggiudicarsi due volte il Premio della Critica. Nel 1992 riceve il Telegatto di Tv Sorrisi e Canzoni alla manifestazione "Vota La Voce". È la terza artista con il maggior numero di riconoscimenti da parte del Club Tenco, con sei Targhe Tenco al suo attivo, a pari merito con Ivano Fossati e Fabrizio De André, che la rendono la cantante femminile con il maggior numero di premi vinti in questa manifestazione. Il 2 giugno del 2005 viene nominata Ufficiale dell'Ordine al merito della Repubblica italiana dal Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Fiorella Mannoia è stata inoltre insignita nel Benin del titolo di “Cavaliere dell’Ordine del Consiglio Mondiale del Panafricanismo”. La cantante è stata premiata per aver contribuito a far conoscere in Italia la figura del leader politico Thomas Sankara e per la vicinanza al popolo e alle donne africane. Oltre alla carriera di cantante, ha avuto anche varie esperienze a livello recitativo. Dopo l’annuncio dei primi 12 concerti nei teatri d’Italia di Personale Tour, il tour con cui Fiorella tornerà sul palco per incontrare il suo pubblico e presentare dal vivo il suo nuovo album Personale, a grande richiesta raddoppiano gli appuntamenti live nelle città di Roma, Milano, Torino, Firenze e Bologna e si aggiungono nuove date a Genova, Bergamo e Sanremo.

Toto, “40 Tours around the sun”
I Toto celebrano i 40 anni di attività con un grande concerto tenuto il 17 marzo 2018 al Ziggo Dome di Amsterdam, ora finalmente disponibile in audio (cd e vinile) e video (dvd e blu-ray). Formatisi a Los Angeles nel 1976, sono famosi per uno stile musicale che combina elementi provenienti dalla musica rock, in particolare progressive rock, hard rock, con pop, soul, funk, R&B e jazz, che li rende apprezzati da un pubblico molto variegato. In più di 35 anni di carriera hanno pubblicato 28 album e venduto complessivamente più di 40 milioni di dischi. La scelta del nome della band deriva dal batterista Jeff Porcaro, che al momento della registrazione delle prime demo aveva appena visto il film Il mago di Oz, in cui il cane di Dorothy, la protagonista del film, si chiama "Toto". Toto, dunque, venne utilizzato da Jeff Porcaro per personalizzare le prime cassette-demo registrate in studio. Solo successivamente il nome divenne definitivo: fu David Hungate, bassista del complesso, a far notare che in latino la parola toto significa "totale", "che comprende tutto". Toto venne così ritenuto il nome ideale per identificare il repertorio musicale della band che nella sua carriera avrebbe abbracciato a 360 gradi tutti i generi. Nel settembre del 1978 il complesso debuttò con l'album omonimo, contenente il singolo Hold the Line, che riuscì rapidamente a scalare le classifiche. La band venne acclamata a livello internazionale e ottenne una nomination per i Grammy Awards nella categoria Best new artist. Al singolo Hold the Line seguirono I'll Supply the Love, Georgy Porgy e Rockmaker. Poco dopo, all'inizio del 1979, il complesso dei Toto iniziò il suo primo tour americano in supporto all'album di debutto.

Rkomi, "Dove gli occhi non arrivano”
Rkomi, la nuova generazione della musica italiana, reduce dal successo di Io in Terra, primo disco ufficiale pubblicato nel 2017 certificato disco di platino e dalla pubblicazione del progetto speciale Ossigeno, composto da un libro ed un ep, torna venerdì 22 marzo con un nuovo album dal titolo Dove Gli Occhi Non Arrivano. Registrato tra il sud Africa e l’Italia, questo nuovo lavoro prodotto da Charlie Charles, è un grande passo avanti sia artistico che personale e vede il giovane cantautore milanese collaborare con alcuni dei nomi più blasonati della musica italiana. Nonostante un avvio legato al rap puro con sonorità attuali, Rkomi si è presto proposto come esponente dell'indie rap. Nella sua musica propone spunti autobiografici, sfruttando la resilienza come tema chiave delle sue canzoni. Il disco Io In Terra è stato spesso preso in considerazione come esempio di hip hop influenzato dai generi prog, funk ed altri, per via delle basi originali ed innovative (oltre alla batteria, compaiono il basso elettrico, la chitarra e la tromba). In quanto a influenze, Rkomi annovera artisti quali i Saint PHNX, i Gorillaz e i Twenty One Pilots tra le sue fonti di ispirazione indie. A livello di hip hop, il rapper milanese si dice influenzato localmente da Noyz Narcos, Marracash, Fabri Fibra, Gué Pequeno e, a livello internazionale, il tedesco Cro, il francese Lomepal e gli statunitensi Tyler, The Creator, Chance the Rapper e Kendrick Lamar.

4
Oggi al cinema
Eventi del giorno