01-03-2018 ore 15:02 | Rubriche - Comunicazioni ai cittadini
di Diego Meis

Papa Giovanni XXIII. Emergenza freddo, due rifugi per i senza tetto a Spino e Montodine

L’ondata di gelo annunciata dalle previsioni meteorologiche ha raggiunto l’Italia. Al via i piani d’emergenza da parte di associazioni e centri di accoglienza per persone senza fissa dimora. In campo anche la comunità Papa Giovanni XXIII, che moltiplica l’impegno in collaborazione con istituzioni e realtà attive sul territorio intensificando l'attività di accoglienza presso le Capanne di Betlemme.

 

Due rifugi nel Cremasco
Due le case di accoglienza a disposizione delle persone senza tetto: la prima a Spino d’Adda, presso la cascina Madonna del bosco, la seconda a Montodine, in piazza don Pagliari. “Oggi più che mai dobbiamo andare a cercare chi non viene a cercare noi” afferma il presidente dell’associazione Giovanni Paolo Ramonda. “I volontari delle unità di strada e delle mense di strada della Papa Giovanni conoscono queste persone per nome perché li incontrano sempre, tutti i giorni dell’anno. Oggi la preoccupazione nei loro confronti è ancora maggiore”.

Oggi al cinema