31-07-2022 ore 13:36 | Politica - Dalla provincia
di Gloria Giavaldi

Dieci giorni di festa tra cucina e dibattiti per Arci Cremona. Tra gli ospiti anche Bergamaschi

“Con il sindaco di Cremona Gianluca Galimberti, il presidente di Arci Liguria Walter Massa e Claudia Noci di Arci Cremona, alla serata inaugurale della festa Arci di Cremona, abbiamo parlato di welfare, terzo settore, bisogni delle nostre comunità, cominciando dal male delle solitudini. Ma anche valori profondi, modelli di sviluppo, geopolitica, pace e guerra in Ucraina”. Così il sindaco di Crema Fabio Bergamaschi in occasione dell'inaugurazione della festa che terrà banco fino a lunedì 8 agosto presso il parco didattico Scout di via Lungo Po Europa a Cremona. Ogni sera, ad ingresso libero, musica, incontri, libreria e cucina. Spazio anche alla solidarietà con i banchetti di varie associazioni. Il programma è ricco e variegato. Ieri sera sul tavolo le sfide del giornalismo con la giornalista d'inchiesta Anna Camilli ed il responsabile regionale del settore cultura di Arci Mauro Sabbadini. Obiettivo: fare luce sul lavoro giornalistico in un momento in cui per i reporter risulta sempre più difficile verificare le fonti. Spazio poi alla musica con i Cara Calma.

 

Libri, musica e dibattiti

Stasera, domenica 31 luglio, prende il via di nuovo la collaborazione con Arcicomics ed una serie di serate dedicate al fumetto. Alle 20.15 sarà la volta di Paolo Castaldi che presenterà la graphic novel dedicata alla vittoria italiana dei Mondiali del 1982. Alle 21 occhi puntati sulle nuove forme di mutualismo per ridisegnare legami e tessere nuove reti con gli autori Paolo Venturi e Massimo Cortesi. Dalle 22 live e dj set con Acquarama e dj soul Solgia. Lunedì 1 agosto si riparte alle 20.15 con Bruno il bibliotecario, un fumetto di Noemi Pederneschi e Marco Gasparini. Alle 21 si parla di sicurezza e realtà carceraria con Valentina Calderone. Dalle 22 spazio ai talenti e alla musica con il festival canoro di Arci. Martedì 2 agosto alle ore 21 si parla di immigrazione e solidarietà con Andrea Costa e Silvia Bini. Alle 22 spazio alla musica con Clio e Maurice e Rossana De Pace.

 

Fumetto, welfare e comunicazione etica

Mercoledì 3 agosto alle 20.15 torna il fumetto con disegni e fiabe e l'ultima fatica di Mauro Ferrari, Il mio nome è un acronimo. Alle 21 occhi puntati sul tema del lavoro e dell'inclusione sociale delle persone con fragilità con Lucio Moioli e Giusi Baggi. Alle 22 live di Amaji. Giovedì 4 agosto incontro con gli autori Matteo Pigoli e Riccardo Ronchi alla scoperta della rivista Coprofago, autoproduzione che raccoglie vari pezzi dei due artisti e ospita una storia breve di Enrico Pierpaoli. Nonostante gli scarsi mezzi con cui è prodotta, si distingue per qualità e varietà delle proposte, per la maggior parte fumetti meta-mediali e riflessioni sui linguaggi della contemporaneità, dal web, alla pubblicità, alla televisione, al fumetto . Alle 21 si parlerà di Pride e diritti civili con Chiara Luccarini e Lorenzo Lupoli. Alle 22 live di Vieri Cervelli Montel e Alice Sacchi con il dj set di Anita Venerdì 5 agosto il fumetto è tutto per Virginia Woolf con Liuba Gabriele. Alle 21 si parla di divulgazione etica al tempo dei social e delle nuove frontiere della comunicazione. Alle 22 live di Zona Mc e Casual Ice b Eater., dj set di Kenobit.

 

Industrie creative

Nell'ultimo fine settimana Arci comics chiude con Masticando km di rumore di Massimo Giacon, La rivista che non legge nessuno con Paolo Interdonato, Carlotta Vacchelli e Maia Quaianni e C'è una casa nel bosco con Valeria Peri, Stefano Tedeschi e Francesco Pelosi. Quanto ai dibattiti sabato 6 agosto alle ore 21 si parla di storia, di uso pubblico della storia, di come oggi il passato viene inteso per legittimare le proprie idee e di come “il futuro debba essere comunitario”. Ospiti Davide Conti e Giancarlo Corada. Domenica 7 agosto spazio alle disuguaglianze nelle industrie creative con Alessandro Sahebi. Chiude domenica 8 agosto una serata sulla parità di genere nell'industria musicale italiana con Sara Colantonio e Gaiane Kevorkian. Alla musica sarà dedicata anche la mostra grafica La nostra musica urla ancora, presente per tutta la durata della manifestazione.

1974