28-06-2019 ore 17:07 | Politica - Dal cremasco
di Andrea Galvani

Scrp, viene confermata la linea dura. Gli otto sindaci ‘dissidenti’ vogliono tutti i 3 milioni

La linea rimane quella: vogliono ricevere il corrispettivo delle loro quote - circa 3 milioni di euro – secondo quanto stabilito dalle norme. Insieme all’avvocato Raffaella Bordogna, i sindaci Rosolino Bertoni (Palazzo Pignano), Riccardo Vitari (vice sindaco di Ticengo), Attilio Polla (Romanengo), Roberto Moreni (Casaletto di Sopra), Gabriele Gallina (Soncino) ed Antonio Grassi (Casale Cremasco e Vidolasco) si sono incontrati in Comune a Palazzo Pignano. All’ordine del giorno della riunione degli amministratori l’aggiornamento dei colleghi recentemente eletti di Casaletto di Sopra e Ticengo sulla vicenda Scrp. Al termine della seduta hanno espresso un breve commento: “È stata ribadita la linea tracciata in precedenza, confermata anche dai due nuovi sindaci”.

55

 La redazione consiglia:

politica - Cremasco
Novità per quanto concerne Scrp, la società recentemente messa in liquidazione dai soci (qui il dettaglio). L’avvocato Raffaella Bordogna, amministrativista del Foro di Bergamo,...
politica - Crema
“Andiamo avanti uniti per il bene del territorio, il nostro obiettivo è offrire servizi garantendo continuità”. In estrema sintesi dismissione ramo idrico e cessione Biofor,...
economia - Aziende
La polemica, si sa, è il sale della democrazia. Parlando di Scrp, negli anni non è mai mancata, ma in queste settimane, scatenata dalla vicenda Lanzalone nella capitale, è...
cronaca - Crema
“L’area omogenea non ha bisogno di Scrp, ma oggi come oggi la legislazione vigente prevede sempre più attività e funzioni sovracomunali. Non serve un'ulteriore testa...
economia - Aziende
"Liquidare il patrimonio di 30 milioni di euro e distribuirlo fra tutti i comuni soci, rifondando una centrale unica di committenza". Questa la proposta avanzata dai sindaci del recesso...
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato