23-12-2021 ore 15:20 | Politica - Crema
di Gloria Giavaldi

Servizi sanitari, Crema aperta contro 'il lento impoverimento' : 'presto una petizione'

Il neonato gruppo a sostegno del candidato sindaco per il centrosinistra Fabio Bergamaschi, Crema aperta organizzerà nei primi giorni di gennaio una campagna di sensibilizzazione con una raccolta firme indirizzata al presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e all'assessore al welfare Letizia Moratti contro il “lento ma progressivo impoverimento dei servizi resi alle strutture di sanità pubblica, ospedale Maggiore compreso. L'organizzazione di tale campagna, il testo della petizione e le modalità per aderire – spiegano i promotori- saranno rese pubbliche in una conferenza stampa che si terrà martedì 4 gennaio di fronte all'ex tribunale”.

 

Situazione critica

Ad aggravare la situazione, anche la decisione deliberata dalla regione di collocare sul territorio due case di comunità (e non tre), una delle quali nella sede di via Gramsci (invece che nell'ex tribunale). Come spiega Giorgio Galli: “sono sempre di più i pazienti di Crema e dei comuni limitrofi che, per poter godere di una visita o di un trattamento sanitario in tempi accettabili, sono costretti a recarsi in altri ospedali o ambulatori fuori dal nostro territorio, come Cremona, Lodi, Milano, Treviglio”. Quanto alla scelta di escludere l'ex tribunale: “l'uso dello stabile vicino alla struttura ospedaliera avrebbe consentito di creare un polo sanitario in grado di migliorare l'offerta di servizi di cura e prevenzione per la nostra salute”. La posizione assunta comporta “un ingiusto e ingeneroso indebolimento dei servizi, cui Crema Aperta non intende rassegnarsi.

927