23-07-2022 ore 11:36 | Politica - Crema
di Andrea Galvani

Commercio. Il comune di Crema vuol creare un itinerario dedicato ai locali storici della città

Negozi storici, cinque delle 27 attività commerciali e artigiane storiche riconosciute da regione Lombardia in provincia di Cremona hanno sede in Crema. Si tratta di Acconciature Agostino (1977), Gian Alberto Acconciature Uomo (1934), Liuteria Artistica Formaggia Vittorio (1981) Macelleria De Lorenzi (1976), Fiorista Barsi (1970). La premiazione si terrà il prossimo autunno nella sede regionale, in seguito i titolari delle attività saranno ricevuti anche in municipio a Crema. Per il comune l’occasione è propizia per comunicare la volontà di “valorizzare il patrimonio artigianale/commerciale della città, partendo proprio dai riconoscimenti regionali”.

 

Itinerario dei locali storici

“Il nostro intento – commenta l’assessore al commercio, Franco Bordo - è di creare una sorta di itinerario dei locali storici della nostra città, che vale la pena ricordarlo è ricca di storia, tradizioni, arte e cultura. Itinerario che verrà pensato e messo a punto inserendo anche le attività storiche riconosciute negli anni precedenti. Poi di anno in anno lo aggiorneremo. Intendiamo così valorizzazione quanto abbiamo di buono. Nel farlo coinvolgeremo le associazioni di categoria”.

 

Prezioso valore sociale

“Il commercio di vicinato e le botteghe artigiane – aggiunge il sindaco Fabio Bergamaschi - rappresentano un prezioso valore sociale. Sono un luogo di incontro che svolge una funzione sociale insostituibile. Rappresentano un servizio di prossimità nei quartieri e un elemento di attrattività territoriale per il centro storico. Mi congratulo con le nuove cinque attività cittadine che hanno ottenuto il riconoscimento regionale di attività storiche. Congratulazioni sincere, perché fare oggi commercio ed artigianato, in un mondo che cambia e che schiaccia le piccole realtà economiche, è complicato. Vincere la sfida del tempo, in questo contesto, è segno di professionalità, competenza e passione, a beneficio della città”.

2372