21-01-2019 ore 17:40 | Politica - Crema
di Andrea Galvani

Autonomia ritardataria. Per Antonio Agazzi: ‘attuarla è una responsabilità della Lega’

“In Lombardia e Veneto siamo stati chiamati - attraverso un referendum - a votare per l’autonomia; l’affluenza alle urne è stata elevata e chi ha votato lo ha fatto, per la stragrande maggioranza, in senso favorevole, ovviamente immaginando di rimanere sempre nella cornice delle regole costituzionali e senza sottrarsi ai doveri di solidarietà nazionale”. Secondo Antonio Agazzi “a differenza di allora, al governo del Paese vi sono la Lega - il partito dei presidenti di Lombardia e Veneto - e il M5S, non vi è più il Pd di Renzi e Gentiloni. Sorgono spontanee, a questo punto, alcune domande”.

 

La responsabilità della Lega

“Perché l’autonomia non arriva o tarda ad arrivare? Non è più una priorità? Problemi di coalizione? Ma non avevano sottoscritto un contratto? A chiamarci al voto sono stati presidenti di regione espressione della Lega e al governo come vice premier e ministro degli Interni e ora vi è il segretario federale della Lega: a chi tocca, oggi più che mai, dare attuazione a quell’autonomia per cui siamo stati chiamati al voto, facendo in pieno la nostra parte? Secondo me – conclude Agazzi, capogruppo di Forza Italia in comune a Crema – tocca alla Lega”.

13

 La redazione consiglia:

cronaca - Dall'italia
Referendum per l’autonomia. Diamo un po’ di numeri. Complessivamente gli elettori votanti sono stati 3.011.395. Hanno votato sì in 2.869.797, pari al 95,29%. Contrari in 118,668,...
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato