20-06-2022 ore 15:40 | Politica - Città
di Rebecca Ronchi

Fondi non autosufficienza, coperte le falle della regione con un bando, più risorse e beneficiari

“Anche il comune di Crema evidenzia da tempo il fatto che le risorse derivanti dal fondo per la non autosufficienza stanziate da regione Lombardia a favore dei comuni del territorio Cremasco sono di gran lunga insufficienti a rispondere al numero di richieste che negli anni è andato ad aumentare”.
Il tema era stato sollevato nei giorni scorsi dall’Anffas e oggi ripreso dall’assessore al welfare Michele Gennuso: “il consolidarsi di una dimensione progettuale a favore di persone in condizioni di non autosufficienza e con disabilità è certamente un segno positivo sia perché aumenta il numero di persone coinvolte, di soggetti attivati e di opportunità diversificate e di qualità a cui accedere”.

 

Risorse regionali insufficienti

“Questa evoluzione – aggiunge Gennuso - richiede stabilità e adeguatezza delle risorse necessarie per dare certezza rispetto alla continuità dell’accesso e garanzia di adeguate forme di sostegno. La situazione è stata affrontata nei mesi passati in chiave preventiva dall’assessorato comunale al welfare. Era ed è noto che le risorse regionali attribuite all’ambito territoriale sociale sono nettamente insufficienti per far fronte alla sempre maggiore richiesta di sostegni a progetti.
Per questo motivo sono state attuate le seguenti misure integrative sia a livello sovracomunale sia in modo specifico per i cittadini di Crema”.

 

Gli interventi locali

“L’assemblea dei sindaci ha aggiunto 80 mila euro ad integrazione locale delle risorse regionali, consentendo di sostenere oltre 40 persone in più rispetto alle disponibilità delle risorse regionali, con un contributo pari all’80% del valore massimo definito dalla misura regionale. Il comune di Crema ha stanziato un budget integrativo a copertura del 20% del valore massimo del contributo regionale per circa 30 cittadini cremaschi ammessi al beneficio. Ha inoltre pubblicato un bando mettendo a disposizione risorse proprie per 32.000 euro a favore di famiglie con minori con disabilità. Il Bando prevede risorse finalizzate a sostenere i progetti per le attività estive con contributi fino ad un massimo di 800 euro per 40 beneficiari. Le famiglie sono informate e possono presentare domanda fino al 20 giugno”.

 

Il budget di salute
“Le risorse stanziate dall’ambito cremasco e dal comune di Crema – ribadisce Gennuso - non possono sostituire il doveroso intervento del finanziamento regionale che dovrà essere necessariamente incrementato. Le risorse aggiuntive messe a disposizione dal comune sono un segnale concreto, espressione di una chiara volontà di aumentare la platea dei beneficiari a partire dalla convinzione dell’importanza di dare attuazione ai contenuti dei progetti di vita delle persone con disabilità. In questi anni ho più volte evidenziato la necessità di strutturare un budget definito (il cosiddetto budget di salute) anche annuale, per ogni singolo cittadino con disabilità al fine di superare la frammentazione delle risorse che condiziona la presa in carico continuativa di questi cittadini e il supporto alle loro famiglie. È già sperimentato in altre regioni e rappresenta una risposta ‘civile’ che evita alle famiglie la rincorsa alle coperture finanziarie necessarie per rispondere in maniera adeguata a bisogni legittimi, mi auguro si possa realizzare nei prossimi mesi, io resto a disposizione per un contributo di riflessione e di programmazione in merito”.

1169