20-05-2022 ore 20:34 | Politica - Crema
di Gloria Giavaldi

Italia nostra: 'a Crema per l'ambiente si può fare di più'

Il verde, il consumo di suolo, la qualità dell'aria, il vivere in centro storico. Questi i macrotemi posti al centro del dibattito organizzato da Italia nostra tra i candidati sindaco alle prossime elezioni amministrative. Moderato dal giornalista Paolo Gualandris, il dibattito ha visto i saluti e gli interventi della presidente Anna Maramotti Politi e dei consiglieri Elisabetta Bondioni e Marco Ermentini. Per Santamato il focus per una città migliore “deve riguardare welfare e sicurezza e, soprattutto, si deve fare spazio a cambiamenti concreti, non solo alle promesse di questo periodo”. In caso di ballottaggio sosterrà “chi è più vicino alla mia idea di città. Di certo non voglio voti da chi mina la nostra sicurezza”. Losco ha posto l'attenzione sui temi ambientali e sulla “necessità di combattere lo smog”. La soluzione è “investire sulla mobilità sostenibile e sulle relative competenze ad essa connesse. Per questo proponiamo l'istituzione di un mobility manager”. Per il centro storico “bisogna ridurre il traffico”.

 

Ambiente al centro

Draghetti ha palesato un grande interesse del Movimento 5 stelle alle tematiche ambientali. “Da tempo – ha detto – proponiamo di istituire un assessorato ad hoc. A Crema ci sono quartieri soffocati dai supermercati. La responsabilità è dell'amministrazione. Anche riguardo al verde pubblico serve un piano: non una politica improvvisata”. Per Borghetti la soluzione all'inquinamento passa “dal potenziamento del trasporto pubblico”. Bergamaschi promette “recupero di aree dismesse, pianificazione territoriale dell'area cremasca, più verde con la creazione di tre nuovi parchi: uno alla Pierina, uno a Castelnuovo e il raddoppio del Parco Bonaldi. Ancora vuole continuare sull'implementazione dello sharing, dell'efficientamento energetico e investire sulla creazione di comunità energetiche. Per Beretta le priorità restano “il recupero delle aree dismesse e la valorizzazione dei quartieri”.

4648