20-04-2023 ore 12:17 | Politica - Crema
di Claudia Cerioli

Peba, il comitato zero barriere incontra l'area omogenea per una pianificazione condivisa

Martedì 18 aprile, la giunta dell’area omogena cremasca ha incontrato il comitato Crema Zero Barriere che si occupa di disabilità. Nato nel 2017  si prefigge di sollecitare i comuni a realizzare il Pe.Ba. (piano di eliminazione barriere architettoniche). Cristina Piacentini, Mimmo Iuzzolino e Liliana Porcellini, hanno chiesto alla giunta di sensibilizzare i sindaci dell’area omogenea affinché si attivino in tempi brevi ad adottare il Pe.Ba. Ma soprattutto hanno insistito sulla necessità di coinvolgere attivamente i rappresentati dei portatori di interessi nella procedura del Pe.Ba. È stato sottolineato che nella stesura dei progetti è importante valutare non solo gli aspetti architettonici, ma anche quelli sensoriali e cognitivi.

 

‘Cancelliamo insieme le barriere’

Secondo il comitato, diventa un elemento essenziale della procedura  la formazione dei tecnici  che realizzano questi piani. Il comitato ha accennato anche ai fondi per il turismo accessibile, che rappresenta una notevole opportunità di investimento. “Cancelliamo insieme – dicono quelli del comitato - le barriere, prima di tutto quelle mentali, oltre a quelle architettoniche, culturali, sensoriali, relazionali, comunicative. Le barriere non sono mai la soluzione, impongono rinunce, sono un ostacolo alla piena realizzazione delle persone.  Tutte le persone, con o senza disabilità”. Gianni Rossoni, presidente dell’Area Omogenea, ha ringraziato il comitato per avere chiesto l’incontro e apprezzato la relazione  di Cristina Piacentini, che ha parlato a nome del Comitato, e in particolare  si è impegnato a coinvolgere i sindaci dell’area cremasca. Alla riunione era presente anche Bruno Garatti, amministratore delegato  di Consorzio.it, braccio operativo dell’area omogenea, quindi direttamente interessato alla realizzazione del Pe.Ba.

 

1535