19-06-2022 ore 20:49 | Politica - Crema
di Giovanni Colombi

Ospedale, chiusura del reparto di psichiatria. Dura presa di posizione di Crema Aperta

“Cercano di farsi belli con i convegni sulla sanità e intanto iniziano a chiudere i reparti del nostro ospedale”. Dura presa di posizione di Crema Aperta sulla decisione dell'Azienda ospedaliera cittadina di chiudere per due mesi il reparto di psichiatria. Come spiega Franco Bordo, “questa è la triste realtà: le scelte politiche del centrodestra, attuate dai responsabili dell'Asst di Crema, stanno indebolendo di giorno in giorno l'ospedale della città. La decisione di chiudere il reparto di psichiatria, maturata senza alcun coinvolgimento delle organizzazioni sindacali, penalizzerà tantissimo i pazienti cremaschi e le loro famiglie. I familiari dovranno affrontare disagi e spese per recarsi in altri ospedali dove verranno ricoverati i nostri pazienti. Tale scelta indebolirà tutto il Dipartimento di salute mentale e creerà difficoltà non di poco conto anche al personale medico e infermieristico nella gestione delle emergenze, a partire dagli operatori del pronto soccorso”.

 

Tagli che indeboliscono l'ospedale

“Pochi mesi fa – prosegue Bordo - la dirigente generale Ida Ramponi si diceva impegnata a concludere i lavori di ristrutturazione dei reparti di pediatria, di psichiatria e della sede del Cps. Oggi assistiamo alla chiusura di psichiatria, è questa "la migliore cura da offrire al paziente" di cui parlava? Mentre tagliano sui servizi indispensabili per la nostra utenza, mezzo milione di euro da buttare via, trasferendo il magazzino farmaceutico dell'ospedale a 90 chilometri da Crema, li hanno trovati subito, come abbiamo visto. Di fronte a questa ulteriore prova di indebolimento della nostra struttura ospedaliera, è importante sottolineare l'importanza che la città venga rappresentata da un sindaco che creda fortemente nella necessità di rappresentare a Regione Lombardia i diritti e gli interessi dei cittadini cremaschi. Un sindaco che dipende in tutto e per tutto dalle scelte del centrodestra lombardo non potrà mai essere in grado di difendere i nostri interessi. L'unico che ci crede e che può farlo è Fabio Bergamaschi. Anche per questo, Crema Aperta chiede ai cittadini di Crema di sostenerlo al ballottaggio di domenica prossima”.

5710