18-02-2024 ore 17:39 | Politica - Crema
di Claudia Cerioli

Crema. Il Psi interviene sulla ex scuola di Cielle. 'Riqualifica e spostamento del liceo Racchetti'

Il segretario di Crema del Psi Alberto Gigliotti ha inviato una lettera alla redazione,dopo la visita all’ex scuola di cielle del reporter di Striscia la notizia Vittorio Brumotti. Secondo il rappresentante dei socialisti “la notizia potrà diventare di levatura nazionale. È un problema che i socialisti avevano affrontato diverso tempo fa e che ad oggi è irrisolto. L’area è completamente degradata e abbandonata ed  è stata riscontrata la presenza di un vasto acquitrino, potenziale habitat per la proliferazione delle zanzare. Le previste pompe di sollevamento per drenare l'acqua dalle fondamenta risultavano del tutto non funzionanti quando il partito socialista  svolse il sopralluogo”.

 

Rischio per la salute pubblica

“Pertanto, l'area non solo costituisce una significativa fonte di degrado urbano, ma presenta anche un rilevante rischio per la salute pubblica, essendo un ambiente favorevole alla diffusione delle zanzare. Il partito socialista ha posto il problema dell’area di cielle come prioritaria per la città e tutto il territorio cremasco. I rappresentanti del partito in più occasioni hanno cercato di sensibilizzare chi ricopre ruoli di decisione a trovare una soluzione per recuperare l’area. Attualmente sotto il controllo del liquidatore, la struttura versa in uno stato di abbandono, e risulta deplorevole che, malgrado sia ancora suscettibile di ristrutturazione, non sia ancora stato raggiunta una soluzione per il suo recupero, sempre, e si sottolinea, nel rispetto dell'attuale destinazione d'uso”.

 

‘Costruire qui il nuovo Racchetti’

“Il Psi cremasco ritiene che ancora oggi ci siano le condizioni perché la costruzione del nuovo istituto Racchetti avvenga recuperando l’area, evitando problemi di congestione del traffico urbano. Insiste affinché tutte le forze politiche cremasche credano e si impegnino per il recupero di quest’area. L’idea è che quest’area possa essere acquisita dal pubblico anche da una partecipazione congiunta comune e provincia anche con la coinvolgendo i privati. Sicuramente il dato di fatto è che non è più procastinabile rimandare il recupero e speriamo che con l’aiuto di Brumotti riusciremo a trovare una soluzione definitiva”.

2780