16-09-2020 ore 14:25 | Politica - Dal cremasco
di Andrea Galvani

Sanità del Cremasco, la lettera aperta di Bonaldi e Casorati: ‘investire e riorganizzare’

“Apriamo una stagione di investimenti per il presidio sociosanitario del Cremasco”. È quanto chiedono il sindaco di Crema e il presidente dell’Area omogenea cremasca in una lettera aperta indirizzata ad Ats, Asst e Regione Lombardia. L’obiettivo è “rafforzare i presidi extraospedalieri di medicina territoriale”. Argomento che verrà ribadito durante il richiesto “incontro coi direttori generali”, impegnati con Asst, medici di base, Rsa, centri di riabilitazione, aziende sociali e terzo settore nella stesura del Piano operativo territoriale, pensato in caso di un riacutizzarsi del Covid 19.

 

Nuova eventuale emergenza

“La missione che Regione Lombardia ha dato a tutte le Ats è di presentare il piano operativo entro metà settembre al fine di predisporre una rete territoriale più pronta e meglio coordinata ad affrontare l'eventuale emergenza”. Ai sindaci compete segnalare se “sul proprio territorio vi siano strutture pubbliche, private, o appartamenti che possano essere messi a disposizione per persone sole o con difficoltà di coabitazione familiare, in quarantena perché positive asintomatiche o perché stretti contatti di casi positivi”. Per Casorati e Bonaldi “è un implicito riconoscimento dell’assistenza sanitaria, sociosanitaria e sociale, integrata con il territorio, prevista dalla Legge di riforma della L.R.23/2015, ma rimasta quasi interamente sulla carta”.

 

Riapertura completa

“L'ospedale deve riaprire in sicurezza tutte le attività di degenza, operatorie e ambulatoriali”. In qualità di sindaci, abbiamo già iniziato questo lavoro col primo obiettivo di realizzare un PreSST nell'ex Tribunale di Crema. La dirigenza Ats ha partecipato ai nostri primi due incontri e si è messa a disposizione come organo programmatorio e propositivo verso Regione Lombardia. Il PreSST, come stabilito dalla L.R. 23, è uno strumento importantissimo che fa pero' riferimento alla responsabilità realizzativa e gestionale della Asst”. In allegato la lettera integrale.

847

 La redazione consiglia:

cronaca - Dalla provincia
“Prevenzione, promozione, educazione per la salute”. Questi i tre “pilastri fondamentali” che gli assistenti sanitari chiedono vengano sviluppati e portati a compimento in...
politica - Crema
“Abbiamo avuto modo di approfondire i contenuti tecnici circa l’eventuale attivazione di un Presst (Presidio socio sanitario territoriale) grazie al contributo reso da Carolina...
cronaca - Dalla provincia
“Il futuro socio-sanitario della nostra provincia è un tema centrale e, dopo la pandemia Covid, ha assunto ancor più rilevanza; un ambito che coinvolge tutte le nostre...
politica - Dal cremasco
"Il Comitato per la costituzione dell’Ats a Cremona, separandola dall’attuale Ats val Padana con sede a Mantova e rapportando la struttura sanitaria al territorio” si è...
politica - Crema
Nell’ex tribunale di Crema, desolatamente vuoto dal mese di aprile del 2014, potrebbe essere realizzato un Presst, ovvero un Presidio socio sanitario territoriale “con la prevista...
cronaca - Crema
L’assunto è chiaro: “l’ospedale Maggiore necessità di improcrastinabili interventi di ampliamento e miglioramento intesi a potenziarne il livello di medio alta...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi