14-10-2021 ore 16:55 | Politica - Rivolta d'Adda
di Denise Nosotti

Primo consiglio comunale del sindaco Sgroi. Rivoltiamo: 'saremo collaborativi ma vigili'

Mercoledì 13 ottobre si è svolto il primo consiglio comunale dei comuni che sono andati al voto domenica 3 e lunedì 4 ottobre. Si è insediato il neo sindaco di Rivolta d’Adda Giovanni Sgroi. Dopo la convalida dei consiglieri eletti, visibilmente emozionato ha giurato fedeltà alla Costituzione. É seguito un applauso da parte dei consiglieri presenti. In seguito, è stata nominata la giunta e sono state distribuite le deleghe. Marianna Patrini è la vice sindaco e si occuperà di servizi alla persona, famiglia, scuola e e cultura, Mino Melini seguirà le risorse strategiche (bilancio, patrimonio e tributi), Roberto Marazzina è stato destinato alle risorse territoriali e sostenibilità ambientale, A Valentina Bagnolo il settore commercio, attività produttive, turismo e tempo libero. Sono state definite le deleghe consiglieri. A Stefano Carioni la sicurezza, polizia locale, viabilità, mobilità e trasporti. A Carlo Sottocorno risorse agricole e agroalimentari, zootecnia, diritti degli animali e fiera di sant’Apollonia. Turismo ed eventi, politiche giovanili a Massimo Cassani. Sport, tempo libero, sanità e politiche legate alla disabilità sono state assegnati a Claudio Londoni. Cultura, istruzione e formazione a Nicoletta Milanesi mentre pari opportunità e infanzia a Monica Bonazzoli.

 

Commissioni e regolamento

E’ stata poi nominata la commissione elettorale comunale. È composta da: Marianna Patrini, Stefano Carioni per la maggioranza e Andrea Vergani per la minoranza. I supplenti sono: Nicoletta Milanesi e Massimo Cassani per ‘Rivolta Dinamica’ e la minoranza Francesca Mapelli. In ultimo sono state definiti gli indirizzi per la nomina dei rappresentanti comunali presso enti, aziende e istituzioni. “Siamo andati a verificare il pregresso regolamento - ha detto il sindaco - confrontandolo con un modulo standard dell’Anci. Non abbiamo cambiato nulla. Tranne il numero. Sono tre i nomi da indicare da parte della minoranza anziché due e il sindaco chiede al capogruppo di opposizione di indicare i tre nomativi”. il punto è stato votato all’unanimità.

 

L’intervento di ‘Rivoltiamo’

Al termine dei punti all’ordine del giorno, è intervenuta Elisabetta Nava, già candidata sindaco per ‘Rivoltiamo’. “Inizia una nuova pagina per il paese. Auguriamo buon lavoro per i prossimi cinque anni. Saremo una minoranza attenta a quanto verrà proposto e attuato e saremo vigili sul programma della maggioranza. Faremo istanze e proposte coerenti col nostro programma e principi. Ci dichiariamo pronti al dialogo e alla collaborazione per il bene del territorio. Obiettivo comune. ‘Rivoltiamo’ lascia un’ottima eredità con tanti cantieri finanziati come la scuola materna, la mensa e la palestra per oltre quattro milioni di finanziamenti ottenuti anche per la sostenibilità ambientale, per la cultura e per il decoro urbano. Lasciamo un paese pulito e in ordine grazie all’ex assessore Vergani ai tanti volontari che ci hanno accompagnato negli anni precedenti. Rivolta è molto attivo culturalmente grazie anche al mondo dell’associazionismo ed è attento al tema delle pari opportunità e diritti della donna, su cui si è lavorato molto in questa direzione”.

366

 La redazione consiglia:

politica - Rivolta d'Adda
Il candidato di ‘Rivolta Dinamica’, Giovanni Sgroi, è il nuovo sindaco di Rivolta d’Adda. Succede a Fabio Calvi, sindaco per due mandati, a partire dal 2011. Ha avuto la...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno

SPAZIO ALLE ASSOCIAZIONI


polocosmesi confartigianato