14-01-2020 ore 15:00 | Politica - Cremona
di Andrea Galvani

“Signoroni ineleggibile”. Fraschini (Lega): "Fatta chiarezza, ma ora attendiamo il Tar”

Per la Lega non si è ancora chiusa la partita riguardante l’elezione di Mirko Signoroni alla presidenza della Provincia di Cremona. Come sottolineato dall’ordinanza del tribunale di Cremona (qui il dettaglio), “viene accertata e dichiarata l'esistenza di una causa di ineleggibilità in capo a Mirco Signoroni al momento della sua candidatura alle elezioni provinciali dello scorso 25 agosto”.

 

Interpretazioni

Al riguardo si dicono “soddisfatti” i due commissari provinciali della Lega, Fabio Grassani e Rebecca Frassini; tramite la consigliere comunale di Cremona Simona Sommi erano stati loro a promuovere il ricorso alla magistratura: “Avevamo sollevato la questione appena dopo le elezioni di agosto, ma evidentemente il centrosinistra ha preferito interpretare le norme in un altro modo”.

 

Il Tar a febbraio

L’ordinanza, sottolineano i due esponenti del Carroccio, “è un primo passo per fare chiarezza e già ci dice chi ha sbagliato e chi no. Ora, in attesa del pronunciamento del Tar previsto per febbraio e che dovrebbe davvero essere risolutivo sull'intera faccenda, auspichiamo che Signoroni e la maggioranza si comportino con la dovuta cautela, nell'interesse dell'ente e nel rispetto di tutti i cittadini e degli amministratori, rispetto che purtroppo è già mancato in più di un'occasione".

342

 La redazione consiglia:

politica - Cremona
“Il Tribunale di Cremona con ordinanza del 19 dicembre 2019 ha dichiarato l’ineleggibilità di Signoroni alla carica di Presidente fino alla data del 3 ottobre 2019, ma...
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi