13-05-2022 ore 20:37 | Politica - Crema
di Gloria Giavaldi

Richetti con Bergamaschi: 'Crema merita un bravo sindaco con il coraggio di cambiare'

“Sono qui per sostenere Fabio Bergamaschi perché credo che Crema abbia bisogno di un sindaco capace di fare il cambiamento. In senso concreto. A partire dal contrasto alle ingiustizie in un periodo di forti trasformazioni”. Per il presidente di Azione Matteo Richetti, giunto a Crema a supporto del candidato sindaco di centrosinistra riformista è chi “guarda al cambiamento senza paura, chi non teme di fare le cose, chi non si limita a criticare ciò che non va, ma fa qualcosa per cambiare la realtà. Ecco, credo che Crema si meriti questo”. E poi “serve un sindaco che, al netto dell'emotività, sappia presidiare i problemi”. Nello stesso giorno in cui è stato ufficializzato il deposito delle liste, Richetti ha poi ricordato che “la campagna elettorale si fa insieme. Dobbiamo tirarci su le maniche, ben sapendo che sarà una campagna elettorale strana in un contesto di guerra”.

 

Entusiasmo

Fondamentale sarà “il coinvolgimento dei giovani. Per un fatto molto semplice: come facciamo a pretendere l'attenzione dei ragazzi se non li consideriamo, se non offriamo loro prospettive future? Ecco dobbiamo trovare l'entusiasmo e darci una spinta. Riassunta con harambee una parola keniota che non ha un tradizione giusta, ma ben riassume lo spirito che deve guidarvi, che deve guidarci in questa campagna elettorale. Un'esperienza nella quale siete riusciti a fare qualcosa di importante: Crema riformista è un'esperienza tutta politica, un progetto politico per la Crema di domani che dimostra che quando si guarda nella stessa direzione si possono comprendere e superare anche le differenze. Spero sia da esempio in altre parti di Italia”. La lista riunisce quattro partiti: oltre ad Azione, Italia viva, Socialisti e Verdi e, come ha ricordato Matteo Galletta, “si è perfettamente inserita nell'Alleanza per Crema che sostiene la candidatura di Fabio Bergamaschi: una perfetta sintesi tra impegno civico e politico”.

 

Una campagna elettorale difficile

Dal canto suo il referente cremasco di Azione Mario Alessio Benelli ha spiegato come questa “sia una campagna elettorale difficile perché condotta volendo parlare alla testa delle persone e non alla pancia. Difficile perché dobbiamo proporci come novità dopo un percorso durato 10 anni, come un gruppo che intende continuare nel solco di ciò che di buono è stato fatto e che vuole migliorare. Siamo consapevoli però che se tutto questo lavoro porterà a qualcosa di concreto potremo fare bene per il futuro di Crema”. Fabio Bergamaschi si è detto felice di “aver ricevuto il sostegno di Richetti e pronto per cogliere questa sfida, consapevole che la buona riuscita di questa campagna elettorale sarà merito di tutti e di ciascuno. Nei prossimi anni ci troveremo a fronteggiare un'emergenza sociale in un perenne stato di inquietudine che potrà avere delle ricadute anche sul locale. Vogliamo esserci, accanto alle persone”.

648