12-11-2019 ore 21:00 | Politica - Dalla provincia
di Andrea Galvani

Elezioni, la Provincia di Cremona resiste al ricorso della Lega presso il Tar di Brescia

La Provincia di Cremona resiste al ricorso al Tar di Brescia presentato dalla Lega per bloccare le nuove elezioni di sabato 23 novembre. Il provvedimento è stato notificato all’amministrazione provinciale lo scorso 8 novembre e oggi, martedì 12 novembre alle 11.30 il vice presidente Rosolino Azzali ha adottato la deliberazione, conferendo procura all’avvocato Sara Gandolfi. Nel documento (integrale in allegato) si sottolinea “la necessità che l’Amministrazione si costituisca in giudizio, per comprovare la legittimità degli atti assunti ed ottenere un accertamento in tal senso da parte del Tribunale”.

 

Massima tempestività

“In considerazione dell’imminenza” delle elezioni e “dei termini processuali strettissimi”, Azzali ha dato mandato agli uffici “di procedere con la massima tempestività” alla nomina di un legale. Interessante il fatto che “la Provincia non si fosse costituita nel ricorso al Tribunale di Cremona, notificatole in data 11 ottobre 2019 e con il quale si chiedeva in via principale l’accertamento e la declaratoria di ineleggibilità e/o incompatibilità del sig. Signoroni a Presidente della Provincia di Cremona”. L’amministrazione aveva ritenuto opportuno che il sindaco di Dovera “tutelasse direttamente ed autonomamente la propria posizione in giudizio”.

 

Il coordinamento

Il ricorso della Lega “contesta invece la legittimità di un atto dell’Ente di particolare rilevanza”, ovvero “l’indizione delle nuove elezioni” per le quali – per inciso – l’unico candidato è ancora una volta Mirko Signoroni. Per la Lega è contestualmente non legittimo anche “il ruolo del vice presidente Azzali”. Data “la stretta connessione di materia e di contenuto tra i due ricorsi pendenti”, la Provincia ha ritenuto opportuno “un coordinamento con l’avvocato Rizzo”, difensore di Signoroni nel primo ricorso. Ecco spiegato il conferimento dell’incarico all’avvocato Gandolfi, “che esercita la propria professione all’interno dello studio dello stesso avvocato Rizzo”. In questo modo – spiega Azzali - “potrà coordinarsi al meglio con quest’ultimo, al fine di stabilire, nel modo più tempestivo ed efficace, la difesa della Provincia”.

768

 La redazione consiglia:

politica - Dalla provincia
In vista delle elezioni del 23 novembre, stamattina è stata protocollata la candidatura di Mirko Signoroni, sindaco di Dovera nato a Lodi il 12 novembre del 1973. Accompagnata da 270...
politica - Dalla provincia
La notizia era nell'aria. Paolo Mirko Signoroni si è dimesso dalla carica di presidente della Provincia di Cremona. Come spiegato dall'ex presidente, “i miei principali obiettivi...
politica - Dalla provincia
Prendendo spunto da un pezzo molto noto per pianoforte, possiamo dire che l’amministrazione provinciale vive giorni dispari. Il consiglio provinciale di ieri è stato rinviato al 10...
politica - Dalla provincia
“Sulle elezioni antidemocratiche e anticostituzionali del Presidente della provincia come Partito della Rifondazione comunista avevamo già espresso la nostra contrarietà nel...
politica - Cremona
Oggi sono scaduti i termini per la presentazione delle liste in vista delle elezioni del nuovo presidente della Provincia di Cremona, in programma domenica 25 agosto dalle ore 8 alle 20. Al voto...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno
libera associazione artigiani confartigianato

polocosmesi