11-10-2018 ore 12:35 | Politica - Crema
di Andrea Galvani

Via Bacchetta, taglio degli alberi. Il progetto del Comune non esclude ipotesi alternative

Gli alberi di via Bacchetta sono tornati al centro del dibattito politico cremasco. Sugli scudi il Movimento 5 stelle, l’ambientalista Alvaro Dellera e gli esponenti della Sinistra Emanuele Coti Zelati e di Sinistra e libertà Paolo Losco. In estrema sintesi si chiede di salvaguardare le piante e al contempo effettuare i lavori necessari per riqualificare la via. La vicenda è nota da tempo. Ora si sta arrivando ai lavori e gli oppositori tornano a far sentire la propria voce.

 

Barriere architettoniche

“L’indirizzo – spiega l’assessore ai lavori pubblici Fabio Bergamaschi – è quello di mettere la zona in sicurezza. Le radici hanno spaccato l’asfalto e danneggiato alcune recinzioni. Per le persone è pericoloso, spesso si è costretti a camminare per strada. Tra la fine di quest’anno e l’inizio dell’anno nuovo gli alberi attuali verranno sostituiti con essenze più idonee. Si scaverà per circa 40 centimetri e dopo il ripristino saranno eliminate anche le barriere architettoniche”.

 

Le proposte alternative

Interviene “unicamente dal punto di vista di mia competenza, quindi ambientale” l’assessore Matteo Gramignoli: “su via Bacchetta insistono piante molto grandi, creano danni ai privati. Personalmente ritengo che gli alberi vadano salvaguardati in tutti i modi, se possibile. Attendiamo proposte alternative che possano scongiurarne il taglio. Sappiamo che la Fiab sta promuovendo una serie di incontri e ci auguriamo possano proporre delle soluzioni alternative, valide e sostenibili anche dal punto di vista economico”.

Oggi al cinema