11-01-2018 ore 12:51 | Politica - Crema
di Diego Meis

Regionali. Rifondazione sostiene la Sinistra per la Lombardia e dice no alle larghe intese

La sezione cremasca di Rifondazione Comunista sostiene Sinistra per la Lombardia. Lo comunica il segretario cittadino Andrea Serena, che in un comunicato rimarca “la forzatura antidemocratica di un numero spropositato di firme necessario a presentarci alle elezioni regionali, uguale a quello per le elezioni nazionali”.

 

Bisogna cambiare”

La nuova lista “unisce la sinistra sociale e politica, che si è distinta nell’opposizione alla gestione regressiva del centro destra di Maroni e alla politica dei governi nazionali di centro-destra e centro- sinistra, entrambi interni alle logiche liberiste”. Serena critica l’operato della giunta uscente, a suo avviso responsabile di “un aumento della povertà pari al 10 per cento, contro il 6 per cento nazionale, la crescita della disuguaglianza e la rapina dei beni comuni considerati occasione per gli affari”.

 

No a trasformismi e larghe intese

Come sottolineato dal segretario di Rifondazione, la corsa alle regionali sarà “una grande e decisiva battaglia per la democrazia: dovremo raccogliere più di 20.000 firme in tutta la Lombardia, tante quante quelle raccolte in tutta Italia per le politiche”. Serena rifiuta “trasformismi” e larghe intese: “contesteremo in tutte le sedi e in tutti i modi queste norme, che fanno delle elezioni regionali una partita truccata, una barriera innalzata da un ceto politico che si considera inamovibile e privilegiato”.

Versione pdf
Oggi al cinema