09-06-2021 ore 10:21 | Politica - Crema
di Andrea Galvani

Finalpia. Rifondazione: ‘tutto tace, ma la svendita al momento non è andata in porto’

“Ufficialmente, per il momento, tutto tace”. Secondo Piergiuseppe Bettenzoli e Simone Antonioli, della segreteria di Rifondazione e in rappresentanza dei giovani comunisti, “questa è la modalità che, di solito, l’amministrazione Bonaldi sceglie per nascondere, ai cittadini cremaschi, le proprie sconfitte. La scelta di fare cassa svendendo l’ex colonia di Finalpia, una proprietà dei cremaschi, incontra i suoi primi ostacoli”. Secondo i due esponenti di Rc, “nessuno vuole l’ex colonia. Arrivate le ore 12 del 31 maggio, anche i nostri amministratori hanno dovuto rendersi conto che la scelta di svendere l’ex colonia, ora albergo a 4 stelle, non trova riscontro nella realtà economica che sta vivendo il nostro paese”.

 

Il recupero della struttura

In sostanza, “la svendita della colonia di Finalpia non è andata, per il momento, in porto. L’intenzione di alienare il bene dei cremaschi non si è tradotta, per il bene dei cremaschi stessi, in realtà. Il rischio, ora, è quello che qualcuno consigli l’amministrazione cittadina ad abbassare il prezzo”. Bettenzoli e Antonioli sostengono che il destino dell’ex colonia “sia quello di rimanere ai cremaschi. Noi siamo sempre più convinti della bontà e della necessità di un recupero della struttura per un suo utilizzo da parte dei cremaschi. La colonia di Finalpia è patrimonio pubblico e deve restare nelle mani delle istituzioni e delle associazioni cremasche. Un suo ulteriore deprezzamento deve essere fermato dai cittadini cremaschi”.

 

Chi paga le spese della gara

Per Rifondazione è importante concentrarsi su “chi pagherà le spese di questa gara di vendita andata a vuoto. La lettera d’invito alla gara specificava che le spese della procedura e i compensi, pari a euro 43.500 oltre Iva, spettanti alla centrale di committenza ovvero Consorzio.it, la società alla quale è stata affidata l’effettuazione della gara di vendita, erano a carico del soggetto migliore offerente. Zero offerenti, qualche decina di migliaia di euro che escono dalle casse della Fondazione senza ottenere alcun risultato. Questa è la politica economica della giunta Bonaldi: distribuire con generosità e abbondanza soldi pubblici senza ottenere nulla in cambio”.

874

 La redazione consiglia:

politica - Crema
“Alcune delle minoranze di Crema si sono affrettate a commentare la notizia relativa alla chiusura bando per la vendita dell’immobile di Finalpia, addirittura prima che il cda della...
politica - Crema
“I cittadini cremaschi, solamente grazie alla stampa, hanno appreso della messa in vendita dell’ex colonia climatica di Finalpia. Per il rispetto che si deve avere verso il nostro...
politica - Crema
In apertura del consiglio comunale odierno, l’ultimo del 2020, il capogruppo del Pd, Jacopo Bassi, ha ricordato “la gioia per la notizia della liberazione di padre Maccalli, per il quale...
politica - Crema
“E' una scelta sbagliata, un importante bene pubblico ora passa nelle mani, nelle scelte, di sole cinque persone, con il Comune fuori dai giochi”. Franco Bordo commenta così le...
politica - Crema
“Ci esprimiamo a favore della vendita dell’hotel di lusso poiché non produce alcuna rilevante ricaduta positiva sulla comunità cremasca (anche per via di una gestione...
cronaca - Crema
Il presidente della Fondazione opera pia marina e climatica cremasca conferma l’arrivo di un’offerta per l’acquisto dell’ex colonia di Finalpia, per il quale è stato...
politica - Crema
“Io sono per l’alienazione dell’immobile e la destinazione dei proventi alla realizzazione di una struttura per anziani e minori: e sono disposta a discuterne da oltre un...
speciale coronavirus la situazione del coronavirus in italia la situazione del coronavirus nel cremasco
Oggi al cinema
Eventi del giorno

SPAZIO ALLE ASSOCIAZIONI


polocosmesi confartigianato