07-08-2022 ore 11:53 | Politica - Lombardia
di Alessia Silvani

Sicurezza sul lavoro, regione ha un piano da 23 milioni: 'assumere personale specializzato'

Vale 23 milioni di euro il piano regionale 2022-2025 per la tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, approvato nei giorni scorsi. Prevede un reclutamento straordinario di dirigenti medici e tecnici della prevenzione per un valore di 1.678. 000 euro. All'Ats Valpadana spettano 120.536 euro per implementare le assunzioni di personale specializzato. Le restanti risorse, pari a circa 21 milioni di euro, verranno impiegate per sorveglianza epidemiologica di rischi e danni associati ad esposizioni professionali, supporto delle attività degli Spsal (ovvero Servizio prevenzione sicurezza ambienti di lavoro) mediante acquisizione di personale aggiuntivo e investimenti, attività di promozione della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro, attività di formazione in materia di tutela della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro, miglioramento dell’operatività e della riconoscibilità dei Servizi Spsal mediante l’acquisizione di dotazioni, capi di abbigliamento e segni di riconoscimento del personale, stipula di accordo con i patronati per implementare le sinergie nella emersione delle malattie professionali, conferma dell’intervento di controllo nelle aziende mediante piani mirati di prevenzione.

 

Nuove assunzioni

Nell'ambito delle risorse ordinarie, altri 5 milioni di euro sono dedicati all’assunzione di cento figure professionali in grado di potenziare le attività di sorveglianza, prevenzione e formazione. Si tratta quindi di medici del lavoro, tecnici della prevenzione, assistenti sanitarie, chimici, fisici, ingegneri, statistici, psicologi.“Il piano – sottolinea la vicepresidente e assessore al Welfare Letizia Moratti – certifica il forte impegno di regione Lombardia su un tema cruciale come la sicurezza nei luoghi di lavoro. Abbiamo stanziato risorse aggiuntive e straordinarie per incrementare le assunzioni e adeguare quindi l’organico del personale specializzato. Stiamo mettendo in atto ogni azione possibile per la prevenzione di infortuni, incidenti sul lavoro e malattie professionali”. Il provvedimento descrive “un modello proattivo di intervento che coniuga assistenza e vigilanza. E' stato elaborato in sinergia con le parti sociali rappresentate in Cabina di regia e nel Comitato regionale di coordinamento”.

1908