06-02-2023 ore 13:40 | Politica - Crema
di Giovanni Colombi

Regionali 2023. Le richieste dell'Area omogena cremasca: dalle infrastrutture al sociale

Stamattina, presso la sala dei Ricevimenti del Comune di Crema, si è svolto un incontro organizzato dall’Area omogenea cremasca dove è stato illustrato il documento, contenente le principali esigenze del territorio, ai candidati consiglieri delle prossime elezioni regionali. Presenti il presidente Gianni Rossoni, i sindaci del territorio e i dirigenti di Consorzio.it. Di seguito i temi che sono stati affrontanti e volti a garantire i servizi nel Cremasco.

 

Infrastrutture

La vocazione dell'Area omogenea cremasca è quella di volgere lo sguardo verso Milano e a dialogare, oltre che con Cremona, anche con i territori limitrofi: lodigiano, bassa bergamasca e est milanese. Per questo sono state individuate le seguenti priorità: il completamento del raddoppio dell'ex statale Paullese, con la realizzazione del nuovo ponte a Spino d'Adda con un adeguato finanziamento; il completamento dell'ex statale 591 lungo il tratto compreso tra Montodine e Castelleone; dell'ex statale 472, Bergamina, fino all'inizio della tangenziale di Dovera; della gronda nord di Crema; il prolungamento della metropolitana milanese fino a Paullo; il raddoppio della linea ferroviaria Cremona-Crema-Treviglio al fine di introdurre una tratta diretta Milano-Crema.

 

Sanità
La pandemia ha messo in luce una serie di criticità in ambito sanitario. In tal senso viene rischiesto un potenziamento della medicina del territorio e di quella ospedaliera: piena operatività del distretto sanitario con la nomina in tempi brevi del responsabile; attivazione di una terza casa di comunità, dopo quella di Crema e Rivolta d'Adda; garantire l'autonomia dell'ospedale Maggiore di Crema con lo stanziamento di risorse adeguate e investimenti per implementare le eccellenze ospedaliere

 

Istruzione, formazione e sociale

Il territorio cremasco si candida ad essere luogo di alta formazione attraverso il mantenimento della laurea per infermieri, al potenziamento dei corsi Its (cosmesi e meccatronica) e Ifts già esistenti, oltre all'investimento per l'attivazione di nuovi corsi. Per quanto riguarda il sociale, uno dei settori più delicati, è necessario intervenire a livello provinciale per il riequilibrio dei posti nelle Rsa, aumentare il fondo disabilità per promuovere l'inclusione e il servizio di assistenza per l'autonomia personale, promuovere un nuovo accordo di programma con la regione per rigenerare il comparto del centro ippico degli Stalloni a Crema.

 

Energia e ambiente
Secondo l'Area omogenea bisogna agire con tempismo per accellerare le norme e i finanziamenti per lo sviluppo di una rete di comunità energetiche al fine di favorire l'autoproduzione e la condivisione dell'energia rinnovabile all'interno del Cremasco, tramite il progetto in essere sviluppato da Consozio.it. Inoltre promuovere e sviluppare il potenziamento delle reti ciclabili creando un collegamento tra Crema e i paesi del territorio come opportunità di valorizzazione dei principali assets naturalistici, paesaggistici e turistici.

2333